Home Spettacolo Musica

Toto Cutugno in un’intervista su Rai 3 rivela: “Sono vivo grazie a Dio e ad Al Bano”

CONDIVIDI

totò cutugnoToto Cotugno e la dichiarazione shock

Toto Cutugno è un cantautore e conduttore televisivo italiano davvero famoso, eppure non si sente molto apprezzato dagli italiani. Recentemente lo abbiamo visto partecipe del programma ideato e condotto da Marco Marra. Il programma si chiama  “La mia passione” e va in onda, in seconda serata, su Rai 3. Durante l’intervista si è ripercorsa la carriera dell’amatissimo cantautore italiano, a partire dagli esordi negli anni Settanta. Sono state celebrate le sue canzoni più famose: “Solo Noi” ed “Italiano“. Sfidiamo chiunque a non aver canticchiato almeno una volta una delle sue canzoni:”Lasciatemi cantare con la chitarra in mano…”. I suoi sono brani famosi in tutto il mondo, ma il cantante non si sente molto apprezzato dagli italiani. Egli rivela di non essere mai stato in ottimi rapporti con il suo paese, a causa forse del suo carattere particolare.

Ecco le dichiarazioni shock di Toto Cutugno durante l’intervista a “La mia passione“:

In Italia non mi sento amato, qui sono quello che fa le canzoni popolari, il ruffiano. Non sono mai stato considerato un cantautore vero

Toto Cutugno, la lite con Luzzato Fegiz ed il ringraziamento ad Albano

Come già detto Toto Cutugno sa di non avere un carattere facile, ed è proprio per questo che, secondo il suo parere, l’Italia non lo apprezza come meriterebbe. Ecco un’altra dichiarazione in merito:

Ci vuole quella magia che si chiama ironia. Fossi stato ironico avrei vinto da tutte le parti, invece con questo cazzo di carattere che mi ritrovo vado a peggiorare le cose. La gente non mi conosce nel profondo”.

Proprio la sua presunzione lo fece litigare, al Dopofestival di 11 anni fa, con Mario Luzzato Fegiz ma ammette di aver sbagliato in quell’occasione. Il cantante ha aggiunto di essere un miracolato in quanto ha scoperto la sua malattia solo perché decise di andare dal medico su consiglio di Albano, che ringrazia infinitamente. Ecco le sue parole:

Sono miracolato, dieci minuti prima di operarmi ho chiesto aiuto a Dio, mi sono avvicinato a Dio, non ero così prima. E’ cambiata la mia vita