Home Lifestyle Salute

Allarme Rift Valley virus: le zanzare sono portatrici di un virus peggiore dello Zika

CONDIVIDI

Zanzare portatrici di un infezione peggiore dello zikaAllarme Rift Valley virus: le zanzare sono portatrici di un virus peggiore dello Zika

Nel corso degli anni ci siamo ritrovati dinnanzi ad annunci terrorizzanti sugli effetti causati dalla trasmissione di determinati virus da parte di animali e insetti. Ogni volta che un focolaio di una malattia appena conosciuta si diffonde, la notizia viene trattata con toni allarmistici, facendo presupporre da titoli e testi che questa potrebbe potenzialmente diffondersi in tutto il mondo causando un contagio in stile Umbrella Corporation.

Qualcosa di simile è successo quando si sono diffuse le notizie riguardanti il virus Zika, una malattia trasmessa dalle zanzare che, se contratta, avrebbe potuto causare la morte del feto nelle donne incinta. Fortunatamente la malattia è stata arginata e sono anche state trovate delle contromisure per contrastarla.

Allarme Rift Valley virus: “Gli scienziati lavorano ad un antidoto”

Nel parlare della febbre di Rift Valley, altro virus trasmesso dalla puntura di zanzare, cercheremo di evitare allarmismi sulle possibilità di diffusione (a differenza di quanto il titolo lascerebbe supporre) spiegando se c’è o meno un’emergenza . Di tale malattia ne parlano ad esempio sul ‘Daily Star‘, dove viene spiegato che al momento non esiste una cura.

Nell’articolo in questione leggiamo: “Il virus adesso si sta muovendo ed è più globale, c’è stata l’epidemia mortale in Arabia Saudita sul finire del 2000 che ha causato 700 morti, mentre zanzare portatrici sono state trovare in Europa e in America”. Tale estratto è probabilmente riferito al virus Zika e non alla Rift Valley e viene utilizzato per introdurre un concetto espresso dall’epidemiologo Hartman sul possibile pericolo di diffusione di determinate patologie legato al cambio climatico: “Dato che la popolazione di zanzare si muove e cambia abbiamo il rischio potenziale che (la malattia) vada oltre i suoi confini tradizionali di diffusione”.

Insomma il virgolettato dello specialista sul rischio della diffusione di virus tramite lo spostamento di popolazioni di zanzare si ferma a queste parole. Successivamente viene suggerito che tale fenomeno se si diffondesse adesso potrebbe essere davvero pericoloso. Ciò che non viene fatto risaltare, invece, è che al momento ci sono stati solamente due casi di decesso (per altro non viene specificato in quale zona del mondo si sono verifica) è che si è ben lontani da una vera e propria emergenza.

 

 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram