Home Tempi Postmoderni Scienze

Alzheimer, sei mesi di ginnastica per ringiovanire di nove anni: lo studio pubblicato su ‘Neurology’

CONDIVIDI

L’Alzheimer (e altri declini cognitivi) si possono sconfiggere con l’esercizio fisico?

Esercizio fisico e ginnastica per sconfiggere l'Alzheimer
L’esercizio fisico può aiutare a combattere l’Alzheimer

In soli sei mesi di esercizio fisico il cervello può recuperare l’attività cognitiva di ben nove anni

Secondo uno studio riportato di recente su “Neurology”, lo sport attiverebbe la funzionalità neurologica del cervello in pazienti che soffrono di Alzheimer o altri deficit cognitivi. Rallentandone il progresso e ringiovanendo il sistema nervoso

La ginnastica può sconfiggere l’Alzheimer?

zL’esercizio fisico aiuterebbe a mantenere giovane il cervello

USA – Che la ginnastica e l’esercizio fisico facciano bene alla salute è un dato di fatto. L’attività sportiva però può avere effetti positivi anche su chi soffre di Alzheimer o altre forme di declino cognitivo. La scoperta arriva da un recente studio condotto dalla rivista americana “Neurology”, come riporta il sito Medicoepaziente.it Basterebbero infatti soli sei mesi di esercizio fisico costante per rinvigorire l’attività neuronale e stimolare le funzioni neurologiche.

Lo studio è stato effettuato dal dott James A Blumenthal della Duke University Medical Center su un campione di 160 pazienti. Tutti i soggetti presi in esame avevano un’età media di 65 anni e soffrivano di lievi forme di declino cognitivo (o MCI, mild-cognitive impairment). Suddivisi in gruppi, sono stati sottoposti a diversi tipi di terapia.

Dieta ed esercizio fisico per mantenere giovane il cervello

Ginnastica contro Alzheimer
Contro malattie come Alzheimer dieta sana e ginnastica sono un toccasana

Il primo gruppo di pazienti ha svolto regolarmente, nel corso dello studio, esercizi di ginnastica aerobica. Che comprendevano un iniziale riscaldamento, passeggiate all’aria aperta, jogging oppure ciclismo. Il tutto per una durata non superiore ai 45 minuti e per tre giorni alla settimana.

Il secondo gruppo ha invece seguito una dieta antipertensiva per rafforzare le difese dell’organismo. Un terzo gruppo si è sottoposto sia a regime dietetico che ad esercizio fisico. L’ultimo gruppo ha semplicemente seguito delle lezioni di educazione sanitaria a distanza.

Proprio il primo e il terzo gruppo hanno riportato i risultati più eclatanti. Il segreto? L’abbinamento tra attività motoria e alimentazione varia e bilanciata. Prima di sottoporsi al test, i pazienti in esame avevano riportato lo stesso punteggio attribuito normalmente a soggetti di 93 anni (pur essendo anagraficamente più giovani). Ma sono bastati sei mesi perché la situazione cambiasse notevolmente. Consentendo ai pazienti di raggiungere il punteggio di ottantaquattrenni. Il cervello, quindi, “guadagnerebbe” fino a nove anni in meno.

I numeri dell’Alzheimer

L'Alzheimer è molto diffuso
Il 15% delle persone sopra il 65 anni soffre di Alzheimer o altre forme di declino cognitivo

Risultati significativi, soprattutto alla luce della diffusione allarmante dell’Alzheimer e di altre forme di disturbi cognitivi con l’avanzare dell’età. Secondo l’Associazione Alzheimer degli USA, infatti, ben il 15-20% delle persone sopra i 65 anni manifesta una qualche forma di declino cerebrale di lieve entità. Questi sintomi spesso sono sottovalutati in quanto privi di importanza, ma possono rivelarsi campanelli d’allarme preziosi. E, se trascurati, portare allo sviluppo di forme più drammatiche di demenza senile o del morbo di Alzheimer.

Tuttavia lo stesso professor Blumenthal avverte che i risultati dello studio non sono definitivi. Occorrono “ulteriori ricerche con campioni di popolazione più grandi e per periodi di tempo più lunghi”. Solo in questo modo sarà possibile confermare se davvero  dieta ed esercizio fisico possano fungere da “toccasana” contro l’Alzheimer e altri deficit cognitivi. Con buona pace anche dei rischi cardiovascolari. Insomma, se è vero che una mela al giorno toglie il medico di torno, meglio mangiarla andando in palestra. Parola di “Neurology”.

Cristina Pezzica

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore