Doppia scossa di terremoto in Emilia Romagna, la prima magnitudo 4.6. Scuole chiuse

Doppia scossa in Emilia, la prima magnitudo 4.6

Doppia scossa di terremoto in Emilia Romagna, la prima magnitudo 4.6. Scuole chiusePaura in Emilia Romagna dopo che dopo la mezzanotte del 15 gennaio è stata avvertita una forte scossa di terremoto, seguita da un’altra. La prima scossa è stata avvertita distintamente nel nord est Italia. 

L’INGV ha comunicato che la scossa era magnitudo 4.6 scala Richter. La scossa è stata avvertita con epicentro a 11 km a est di Ravenna, profondità di 25 km. 

La scossa primaria è avvenuta alle 00.29 secondo l’INGV, quindi è seguita una seconda scossa più lieve, di intensità 3 gradi scala Richter. L’epicentro, per la seconda scossa, è stato a 9 km da Cervia. 

Gente in strada, paura nella notte 

Subito le reazioni sono corse sui social network e moltissime persone spaventate che chiedevano informazioni e notizie. 

Moltissime persone, soprattutto nel ravennate, sono scese per strada spaventate dalla forte scossa e tante sono state le chiamate fatte ai vigili del fuoco. Non sono stati segnalati danni a persone e cose. 

Chiuse le scuole e università 

“Abbiamo ponderato, ma abbiamo preso la decisione di chiudere tutte le scuole di ogni ordine e grado, dagli asili nidi all’università. Questo perché l’evento sismico è stato di una gravità importante. E perché prima di far entrare i nostri bambini e i nostri ragazzi all’interno delle nostre scuole vogliamo avere la certezza che vengano fatti tutti i controlli necessari a far sì che siano in totale e assoluta sicurezza” dice il sindaco di Ravenna, Michele De Pascale.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram