Maltrattamenti choc all’asilo, bambini costretti a picchiare e tirare i capelli ai loro compagni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:13

Maltrattamenti choc all’asilo, bimbi costretti a picchiarsi

Un altro caso choc di maltrattamenti all’asilo nido, nel quale addirittura i bambini sono stati costretti dalle maestre a picchiare i loro compagni. 

Il fatto avviene in un asilo di Isernia, dove due maestre di una scuola dell’infanzia statale sono state sospese dall’insegnamento a causa dei maltrattamenti nei confronti dei bambini. Le due donne hanno 49 e 58 anni.

Maltrattamenti choc e minacce 

Maltrattamenti choc all’asilo, bambini costretti a picchiare i loro compagni
Un frame dell’intercettazione audio-video

A far scattare la denuncia alcune madri, che dopo aver notato segni di disagio nei bambini si sono rivolte ai carabinieri.
L’attività di indagine dei carabinieri ha poi trovato riscontro grazie a delle intercettazioni audio e video, nelle quali si vede le maestre incitare i bambini a picchiarsi. 

Scioccanti le intercettazioni: “Devi piangere, ti svito la testa”, bimbi trascinati e presi a schiaffi. O quelle dove le maestre invitavano i bambini a ‘vendicarsi’ dei dispetti dei piccoli compagni, picchiandoli e tirando loro i capelli.

Il video choc dei maltrattamenti 

È il terzo caso in pochi giorni 

Secondo la polizia sono stati individuati 150 episodi di maltrattamenti nei confronti dei bambini che hanno 2-3 anni. “Sono stati individuati circa 150 episodi di maltrattamenti, che hanno ricostruito il vissuto quotidiano dei piccoli alunni di 2/3 anni sui quali due maestre mostravano un atteggiamento vessatorio e minaccioso” ha scritto l’account ufficiale della Polizia su Twitter. 

Si tratta del terzo caso in pochi giorni. Il 10 gennaio delle maestre erano state sospese a Cassino, e a Castelli Romani l’8 gennaio, dopo che erano state accertate la presenza di insulti e botte. 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!