Messico, esplode un oleodotto. 21 morti e 71 feriti, ma il bilancio potrebbe salire

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:51

messico

Messico, rottura oleodotto: 21 morti

Almeno 21 persone sono rimaste uccise e 71 sono rimaste ferite nella giornata di venerdì, quando un oleodotto danneggiato da presunti ladri di carburante è esploso nel centro del Messico. Lo riferiscono le autorità statali e federali.

La televisione messicana ha mostrato le fiamme che si facevano largo nel cielo. Il fatto è avvenuto nel comune di Tlahuelilpan, nello stato di Hidalgo a nord di Città del Messico. Le immagini mostrano gente che urla e chiede disperatamente aiuto.

Il governatore di Hidalgo Omar Fayad ha detto alla televisione messicana che i servizi di emergenza hanno recuperato i corpi carbonizzati di 21 persone. Sempre Fayad ha confermato che almeno altre 71 persone sono rimaste ferite.

Il numero delle vittime potrebbe aumentare

Fayad ha inoltre precisato che il numero delle vittime potrebbe ancora aumentare. Poco prima di mezzanotte, il ministro della sicurezza pubblica Alfonso Durazo ha detto che l’incendio era stato spento e che il governo avrebbe avuto bisogno di tempo per stabilire un bilancio definitivo delle vittime in seguito al disastro.

L’esplosione è stata una delle peggiori della storia recente messicana, in un paese che ha già subito centinaia di rotture illegali nella sua rete di oleodotti e gasdotti.

“Esorto l’intera popolazione a non essere complice del furto di carburante“, ha detto Fayad su Twitter. “Oltre a essere illegale, mette a rischio la propria vita e quella delle proprie famiglie”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram