Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Damasco, l’offensiva di Israele: oltre un’ora di bombardamenti su alcuni obiettivi iraniani in Siria

CONDIVIDI

A Damasco l’esercito Israeliano ha bombardato per oltre un’ora degli obiettivi Iraniani

Damasco bombardata durante la notte
Attacco missilistico israeliano sopra i cieli di Damasco

“Assad non invii le sue forze contro i presidi Israeliani, o sarà la guerra”

Ore di tensione, ore in cui scorre il sangue. Sta accadendo a Damasco, dove l’esercito di Israele ha aperto il fuoco “per più di un’ora” contro uno degli obiettivi Iraniani. E nel conflitto dilagante anche la Russia di Putin potrebbe schierarsi.

Bombardamenti a tappeto sopra il cielo di Damasco

Bombardamenti a Damasco
Le drammatiche immagini arrivano da Damasco, dove per più di un’ora si sono susseguiti i bombardamenti

DAMASCO – Sono ore di fuoco quelle che si stanno susseguendo in Siria. La notte è rischiarata dal bagliore aranciato delle esplosioni, che fanno tremare gli edifici e i cuori di chi vi risiede. E’ guerra a Damasco, da quando l’esercito di Israele  ha cominciato a bombardare in piena notte alcuni obiettivi Iraniani in Siria. E la tensione, anche a livello internazionale, è altissima. Potrebbero essere i preliminari a una Terza Guerra Mondiale in piena regola, come avverte il Daily Star. 

L’attacco missilistico lanciato dall’esercito è stato seguito da un avvertimento diretto ad Assad. “Che non attacchi i presidi Israeliani in Siria”, ammonisce il comunicato,oppure sarà guerra. Vogliamo avvertire le forze armate Siriane di non intervenire, stiamo attaccando le Forze Qud iraniane in Siria”. Un avvertimento dai toni di minaccia.

Esplosioni per più di un’ora, poi la Siria scende in campo

Benjamin Netanyahu
E il Primo Ministro Israeliano Benjamin Netanyahu avverte; “Colpiremo chi vuole colpirci”

Si sono susseguite per più di un’ora le esplosioni sopra il cielo di Damasco. E secondo le prime ricostruzioni sarebbero quattro i soldati Siriani rimasti uccisi, mentre sei lottano per la vita dopo essere stati rimasti feriti in battaglia. Più pesante, sostengono le forze armate della Siria, il conto dei danni subiti dagli aggressori, che sarebbero stati “respinti con successo”. E nell’area maggiormente devastata dai combattimenti sarebbero stati coinvolti anche un gran numero di civili. Lo ha dichiarato il portavoce israeliano Jonathan Cornicus, sostenendo che la Siria avrebbe risposto agli attacchi con dei missili terra-terra di produzione iraniana. Più di 30 missili Israeliani sono stati intercettati e distrutti, come riporta un comunicato dell’esercito di Assad.

Numeri che tuttavia non scoraggiano il Primo Ministro Israeliano Benjamin Netanyahu. Il quale, nel corso di un’intervista rilasciata nei giorni scorsi, aveva dichiarato: “La nostra politica permanente è quella di bombardare ogni trincea Iraniana in Siria. Colpiremo chiunque proverà a colpirci.” Una dichiarazione che potrebbe scatenare rappresaglie da parte della Russia di Putin, pronta a scendere in campo al fianco di Assad. In quello che potrebbe diventare un nuovo, devastante, conflitto Mondiale.

Cristina Pezzica

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram