Inquietante ultimo WhatsApp di Emiliano Sala: “Se non mi senti entro un’ora e mezza chiama i soccorsi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:46

Emiliano SalaL’ultimo messaggio inviato da Emiliano Sala faceva già supporre il peggio: “Se non mi senti chiama i soccorsi”

C’è grande apprensione per le condizioni di Emiliano Sala, attaccante italo-argentino del Nantes in procinto di trasferirsi  al Cardiff City dopo un’eccellente avvio di stagione. Il calciatore era a bordo di un aereo che l’avrebbe dovuto portare nella città gallese in vista delle visite mediche e della prima seduta di allenamento con la nuova squadra, ma che non è mai arrivato poiché è precipitato nella Manica. Già da diversi giorni proseguono le ricerche in mare, ma per il momento non c’è alcun risultato.

Lo scenario è davvero preoccupante e le autorità che lavorano alle operazioni di ricerca hanno fatto sapere che le speranze di ritrovare vivo il calciatore sono pressoché nulle e che diventano sempre minori con il passare del tempo: “Penso che con le temperature dell’acqua e con le condizioni climatiche che ci sono state le chance di trovare qualcuno vivo diminuiscono ogni secondo che passa” ha infatti dichiarato l’ufficiale capo delle ricerche aeree John Fitzgerald.

L’inquietante ultimo messaggio di Emiliano Sala su WhatsApp

Il giovane attaccante argentino aveva avuto brutti presentimenti sul viaggio sin dall’inizio. In un primo messaggio mandato ad un compagno del Nantes aveva detto: “Al momento sono a bordo di un aereo che sembra cadere a pezzi. Sto andando a Cardiff, folle, e domani continuerò ad andare avanti. Mi allenerò con la mia nuova squadra”. Il secondo è quello che fa capire che il presentimento di Sala era corretto: “Se non senti ulteriori mie notizie entro un’ora e mezza, possibilmente c’è bisogno che venga qualcuno a cercarmi. Sono spaventato”.

Emiliano Sala, tifosi di Nantes e Cardiff City omaggiano il calciatore argentino

Mentre i ricercatori continuano il loro lavoro senza sosta nella speranza che avvenga un miracolo e che il 28enne italo-argentino venga trovato vivo, i tifosi del Nantes e del Cardiff City si sono riuniti all’esterno dei rispettivi stadi per omaggiarlo. Se in Francia ci sono diverse iniziative di preghiera, a Cardiff i tifosi hanno depositato sciarpe, mazzi di fiori e foto del calciatore all’esterno dello stadio e ai piedi della statua di Frederick Charles Keenor, leggenda della formazione gallese. Nel contempo anche la dirigenza del Cardiff City ha voluto esprimere il proprio sgomento per l’accaduto con un comunicato in cui fa sapere: “Siamo scioccati e preghiamo”. Il Nantes ha ottenuto il rinvio della prossima gara di coppa di Francia contro il Saint Etienne.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram