Filippo Caccamo, intervista ESCLUSIVA al giovane comico: “Devo tanto a Ruffini, grandissima stima per Fiorello”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:13

E’ diventato virale su YouTube e conosciuto grandissima popolarità dopo la sua partecipazione al talent televisivo ‘Eccezionale Veramente’; si tratta del giovanissimo Filippo Caccamo, che ci ha concesso una intervista dove in ESCLUSIVA ci parla dei suoi sogni e progetti.

Ciao Filippo, per prima cosa presentati ai nostri lettori…

Ciao a tutti! Mi chiamo Filippo, ho 25 anni, e dopo troppi anni mi sono laureato in beni culturali. La mia occupazione principale peró è quella di comunicare, in qualsiasi modo, spesso nei video, i disagi quotidiani degli studenti universitari d’Italia. La considero una missione, mi sento il megafono di tutti!

Sei arrivato alla semifinale del noto talent ‘Eccezionale Veramente’ su La7: raccontaci un aneddoto particolare di quell’esperienza che ricordi con piacere…

L’esperienza su La7 è stata meravigliosa, l’aneddoto per eccellenza è stato l’incontro e la conoscenza di Paolo Ruffini, che negli anni è diventato poi il mio produttore e regista. È stato il primo a crederci, a spronarmi, e tutt’ora mi segue in tutto quello che faccio. Devo molto a lui.

Chi è l’artista a cui ti ispiri maggiormente e per il quale nutri una profonda stima professionale?

Ho sempre voluto fare il comico, non ho mai ambito ad altro. Fare ridere è stata la mia missione da sempre e quindi negli anni ho visto e rivisto spettacoli interi di Benigni, Grillo, Bergonzoni, Pucci, Pintus, Proietti. Gente che vive di teatro e di pubblico vero. I miei modelli sono loro. Anche se il comico che stimo di più rimane sempre Fiorello. Un vero esempio per me.

In futuro preferiresti realizzarti a teatro o sul grande schermo?

Il cinema mi affascina, vorrei farlo per tanto nella vita. Ma il teatro rimane il teatro. Voglio sia casa mia per sempre. Il contatto con il pubblico non vale nessun grande schermo.

Ci puoi anticipare qualcosa sui progetti a cui stai lavorando attualmente? 

Attualmente sono in tour con il mio nuovo spettacolo “Le Mille E Una Laurea” che ha debuttato al Teatro Nazionale di Milano lo scorso 6 novembre. Le prossime date saranno il 21 febbraio al Teatro Celebrazioni di Bologna e il 13 marzo al Teatro Puccini di Firenze. E poi, è la prima volta che lo dico al pubblico, sto scrivendo il mio primo romanzo. Ci sto lavorando da tanto, è una storia curata nei minimi dettagli. Per ora non posso dire di più, ma sono molto emozionato.

Simone Ciloni