Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Caso Diciotti, Conte si assume la responsabilità e Di Battista conferma: “Voteremo sì”

CONDIVIDI
Il Premier Giuseppe Conte
Il Premier Giuseppe Conti: “Piena responsabilità politica per il caso Diciotti”

Caso Diciotti, il Premier Giuseppe Conte si assume la responsabilità dell’accaduto. Pressing di Di Battista sull’autorizzazione al processo 

Il caso Diciotti continua a tenere banco, e in serata è arrivata anche la replica del premier Giuseppe Conte. Conte ha infatti dichiarato pubblicamente che “la linea seguita è quella del governo“. Confermando, così, un’unità di intenti e visioni in quella che è stata una delle vicende più discusse degli ultimi giorni. “Me ne assumo la piena responsabilità politica“, ha proseguito poi Giuseppe Conte. Precisando che, se la condotta adottata da Matteo Salvini fosse stata in qualunque modo illecita, il governo sarebbe intervenuto con prontezza.

Un illecito che invece non ci sarebbe mai stato. Tuttavia, il premier Conte ha anche ribadito che “non sarò certo io a suggerire ai senatori cosa votare”. Parole che gettano un’ombra fortemente politica sull’autorizzazione al processo. In altre parole, una presa di posizione contro Matteo Salvini potrebbe tradursi in un vero e proprio atto di sfiducia nei confronti dell’esecutivo. E, forse, in un segno di rottura.

Di Battista: “Atto importante nel caso Diciotti”

I passeggeri della Diciotti
La linea di condotta adottata con la ong Diciotti è quella del governo, afferma il Premier

Un atto importante, questa presa di responsabilità da parte del premier Conte. Come afferma anche Alessandro Di Battista, ex deputato del M5S, che nel corso del talk show “Porta a Porta” si è espresso in prima battuta sulla decisione del Premier. Consigliando un passo avanti anche allo stesso Matteo Salvini, invitato a “liberarsi dell’immunità. E’ quanto avrebbe fatto Luigi Di Maio, qualora fosse successo a lui.” E ha precisato: “Credo proprio che voteremo sì all’autorizzazione a procedere.”

Le accuse mosse da Di Battista nei confronti di Salvini sarebbero infatti quelle di aver cambiato versione. “Processatemi” aveva affermato il vice-premier Matteo Salvini; poi, in un secondo tempo, la lettera aperta a Repubblica che è suonata come una smentita troppo netta per Di Battista. Il Senato e gli italiani devono decidere”, aveva precisato Salvini nel corso di un’intervista a La7, “se sto facendo qualcosa che è nell’interesse del popolo italiano o no. Se per qualche magistrato la videnda Diciotti è sequestro di persona, per me è difendere i confini del mio Paese.”

Cristina Pezzica

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram