“Maduro imprigiona i bambini e uccide i ragazzi”. L’ultima fake news sul Venezuela è arrivata anche qui

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:53
Bimbe venezuelane, immagine d’archivio

“Maduro imprigiona i bambini”. Nessuna prova, fake news fuori controllo

“Maduro imprigiona i bambini e uccide i ragazzi”. L’ultima fake news sul Venezuela è arrivata anche qui in Italia, ripresa a gran voce dai media senza nessun controllo – neanche il più superficiale – sulla veridicità di tali gravissime accuse. “Maduro imprigiona i bambini e ha ucciso 70 giovani”. La fonte? L’acerrimo nemico di Nicolas Maduro, Juan Guaidò, che sta lottando per scalzargli il posto da presidente e che implora il mondo di riconoscerlo come leader del Venezuela.

Notizie senza controllo: così si legittima la guerra

L’ultima fake news sul Venezuela rimbalza come una pallina da tennis fra media e video, fra i social ed i giornali. La bufala propinata all’Occidente tocca il classico tasto che ormai dovrebbe essere un segnale d’allarme: i bambini. Quando si tirano in mezzo i bambini, bisogna stare attenti: si cerca di colpire l’emotività, la bufala è dietro l’angolo.
Le accuse al presidente venezuelano sono gravi: quelle di aver imprigionato centinaia di persone fra cui decine di minorenni e di aver “ucciso 70 giovani”.

L’unica fonte delle gravi accuse viene direttamente da Juan Guaidò, l’ingegnere che si è auto-nominato presidente del Venezuela durante un golpe due settimane fa, e dal suo entourage. Prove? Neppure a parlarne.

Da dove parte la bufala dei bambini scomparsi

Guaidò ha dalla sua parte i media, specialmente quelli occidentali. La prima strategia per cercare di abbattere Maduro è quella di dipingerlo come un crudele dittatore. Un tragico leitmotiv di guerra che abbiamo già visto in Siria, in Iraq, in Libia, e ora anche in Venezuela, ma rispetto ai quali l’Occidente non sembra in grado di farsi gli anticorpi.

Le gravissime accuse, fra le quali quelle di aver imprigionato bambini innocenti e di aver massacrato diversi giovani, viaggiano sulla rete e sui giornali senza nessuna verifica. La giornalista anti-Maduro Patricia Poleo è la prima a sostenere che la denuncia dei bambini scomparsi deriva da un deputato dell’opposizione. Non esisterebbe alcuna denuncia di arresti, sequestri, sparizioni. 

Fra coloro che diffondono la notizia, anche l’esponente dell’area golpista anti-Maduro più radicale, Maria Corina Machado, parla di bambini di 12 anni prelevati dalle loro case e in stato di detenzione. Per quale motivo, dove, quando, chi avrebbe fatto ciò, le prove: nulla di tutto questo arriva al mittente. Solo accuse pesanti e gravi lasciate nell’etere.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News Segui NewNotizie.it su Instagram