Home Notizie di Calcio e Calciatori

Inter, ESCLUSIVO Gian Luca Rossi (Top Calcio 24): “Manca una società forte. Marotta? Deve fare una ‘dittatura’ calcistica”

CONDIVIDI

Abbiamo intervistato il noto giornalista e opinionista Gian Luca Rossi

E’ sotto gli occhi di tutti il momento difficile che sta vivendo l’Inter in queste settimane, dopo le due sconfitte in campionato con Torino e Bologna e l’eliminazione dalla Coppa Italia per mano della Lazio.

Abbiamo così contattato Gian Luca Rossi, noto giornalista e opinionista sportivo di ‘Top Calcio 24’ e ‘TeleLombardia’, che in ESCLUSIVA ai nostri microfoni ha dato un suo commento sulla situazione in casa nerazzurra.

Intervista al giornalista e opinionista Gian Luca Rossi

Ecco quanto detto da Rossi:

“E’ inutile che ci giriamo attorno. All’Inter manca una società forte in primis. E’ logico che certe situazioni extra campo e alcune dichiarazioni discutibili di Wanda Nara (in particolare quelle su Ivan Perisic) non hanno fatto bene e ne hanno risentito anche i risultati. Certi giocatori mi hanno certamente deluso, ma non capisco questo accanimento verso Luciano Spalletti. Sono anni che gli allenatori non riescono ad avere una propria continuità tecnica, si continua a cambiare panchina ma c’è sempre questa situazione. Bisogna capire cosa vuole fare veramente Suning del club, sono curioso di vedere come si comporterà la proprietà cinese una volta usciti dal mirino del fairplay finanziario. Anche se arrivasse il Signore come allenatore tutti sarebbero pronti a criticarlo, dando sempre le colpe sul mister di turno. Ci sono vari dirigenti che non hanno poteri consolidati, dal 20 dicembre è arrivato ufficialmente Beppe Marotta e mi auguro non faccia la fine di Walter Sabatini. L’ex ad della Juventus deve imporre una sorta di ‘dittatura’ calcistica dando equilibrio a 360 gradi. Ormai Spalletti al secondo anno sembra logorato e pare proprio salvo ribaltoni che da giugno non sarà più lui l’allenatore. Chi potrebbe prendere il suo posto? Penso più ad Allegri, magari anche per vicende personali è attratto anche lui a guidare il club nerazzurro per una nuova esperienza dopo anni di Juve. Non credo che arriverà Antonio Conte né Josè Mourinho. Un buon progetto per il club sarebbe vedere un Marotta con pieni poteri, un allenatore che rimane almeno per 3 anni e acquisti mirati che devono far alzare il livello della rosa (visto che quando sbarcò in Italia Suning promise di fare una grandissima Inter)”.

Simone Ciloni

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News Segui NewNotizie.it su Instagram