Home Spettacolo Musica

Achille Lauro, Striscia la Notizia e l’ecstasy: Enzo Iacchetti dimentica quando cantava “Pippa di meno”?

CONDIVIDI

Al Festivalbar del 1995 l’esibizione di Enzo Iacchetti con “Pippa di meno”, canzone che parla di stupefacenti

L’album di Enzo Iacchetti, “Canzoni Bonsai”, conteneva il brano “Pippa di meno”

Non sarebbe il Festival di Sanremo se, ogni anno, non saltasse fuori almeno una polemica. Oggi è il giorno della tanto attesa finale e, sebbene già pare ci siano delle preferenze abbastanza nette, gli interrogativi sul significato di alcuni testi rimangono insoluti. La canzone che ha fatto più rumore è stata senza dubbio “Rolls Royce” di Aclille Lauro. Un misto di rap e trap che ha fatto storcere il naso per il testo e per quel “Rolls Royce” che tutto sarebbe tranne che una celebre automobile. La denuncia è arrivata da Striscia la Notizia: Enzo Iacchetti ed Ezio Greggio hanno puntato il dito contro Achille Lauro affermando che la sua canzone sia un inno all’ecstasy. Ma facciamo un passo all’indietro esattamente di 24 anni: correva l’anno 1995 ed Enzo Iacchetti portava in scena Pippa di meno”, una canzone molto simile per argomento a quella contestata.

Nel 1995 Enzo Iacchetti cantava “Pippa di meno”: lo scheletro nell’armadio dopo le accuse ad Achille Lauro

“Rolls Royce è una pasticca di ecstasy. Il direttore artistico era in sé quando l’ha ascoltata e scelta per il Festival di Sanremo?”, hanno tuonato solo qualche giorno fa Enzo Iacchetti ed Ezio Greggio– alla conduzione del tg satirico di Enzo Ricci- contro Achille Lauro e la sua canzone sanremese. Ebbene, poco dopo, agli occhi attenti (ed alle orecchie attente, sarebbe il caso di dire) degli internauti più appassionanti, non è sfuggito un dettaglio che ci rimanda indietro di ben 24 anni, al Festivalbar del 1995. Grazie a Play Cult, la nuova piattaforma di Mediaset Play che manda in onda programmi dal sapore molto vintage, è stata riscoperta una piccola chicca che era stata dimenticata. Un più giovane Enzo Iacchetti partecipò al Festivalbar di quell’anno cantando la sua canzone “Pippa di meno”. Il riferimento alle droghe è chiaro, ma oggi Iacchetti accusa Achille Lauro di aver cantato anche lui riferendosi ad uno stupefacente.

Nel 1995 Enzo Iacchetti cantava “Pippa di meno”, la copertina dell’album parla chiaro

Un altro riferimento- inequivocabile- al mondo della droga sta nella copertina di quell’album di Iacchetti (Canzoni Bonsai. “Pippa di meno” venne poi remixata da dj Albertino): tante foto di nasi organizzate in un collage. C’è da dire che il senso della canzone è diverso da quello che si vuole attribuire al testo di Achille Lauro. Il cantante romano starebbe inneggiando all’ecstasy, proponendo un approccio positivo (ma, qualora fosse così, c’è ne può essere uno?), invece Iacchetti nel suo testo cerca di spronare un amico a non drogarsi e a dedicarsi ad attività sicuramente più sane, come portare al mare la fidanzata. Una condanna apprezzabile, quella di Iacchetti, e che indica di come lo sdoganamento di certi argomenti tabù fosse già in atto qualche decennio fa. Le accuse rivolte a Lauro non sono state confermate, anzi, ma dovesse trattarsi realmente di un inno all’estasy noi ci sentiamo- com’è normale che sia- di discostarci da tale visione.        

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News Segui NewNotizie.it su Instagram

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore