Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo Ultime Notizie di Cronaca Estera

Chef “orco” condannato, botte alla figliastra di un anno: la piccola è morta

CONDIVIDI

Condannato all’ergastolo con pena minima di 19 anni: è quanto dovrà scontare un giovane chef, condannato per l’omicidio di una bimba di un anno.

Dovrà scontare almeno 19 anni della sua vita in carcere per aver lasciato morire la figlia di un anno. Lo ha stabilito un tribunale nei confronti dello chef Martin Johson, 20enne responsabile della morte di Erin Tomkins, la piccola della quale avrebbe dovuto occuparsi nella sua casa di Sheffield e che invece è deceduta a causa di ferite multiple, riconducibili, secondo quanto sottolineato da un giudice dello Sheffield Crown Court, ad un atto violento da parte del giovane contro la piccola, figliastra dell’uomo, poche settimane prima del suo secondo compleanno. E’ emerso inoltre che anche in passato vi siano stati episodi simili: la bimba è stata trovata con un braccio rotto e con ben dieci fratture alla colonna vertebrale, causati dal suo patrigno. Per questo il giudice Goss ha condannato Johnson all’ergastolo con una pena minima di 19 anni, dopo aver osservato che l’imputato ha mostrato rimorso. E’ stato giudicato colpevole di omicidio con due capi d’accusa pesanti per aver causato gravi lesioni alla piccola.

Picchia la bambina e chiama i soccorsi, morta per le gravi ferite

Il 20enne ha detto alla polizia che la bambina era caduta mentre stavano giocando ma i pubblici ministeri, previo parere di diversi esperti medici, hanno sottolineato davanti a una giuria composta da quattro uomini e otto donne, che ogni lesione fosse riconducibile alla violenza dell’uomo. Erin è stata portata in ospedale il 21 maggio del 2018 dopo una telefonata da parte del giovane chef al 999 dall’abitazione della partner Kira Tomkins a Leighton Road. Il personale dell’ospedale pediatrico di Sheffield ha riscontrato lividi sul viso e su gran parte del corpo della bambina oltre ad ematomi e sanguinamento sull’area superficiale del cervello e occhi gonfi.

Le strazianti parole della madre di Erin

“Semplicemente non capisco chi possa ferire un bambino in questo modo”, ha detto la madre i Erin, la signora Tomkins, sconvolta dal dolore, in aula. La donna, che ha detto di essere diventata come uno “zombi ambulante” a causa della morte della figlia, ha aggiunto: “Erin era la più bella e brillante bambina dai capelli rossi. Ha aggiunto così tanto alla mia vita, sarà amata e mi manca ogni giorno”. Alcuni investigatori hanno dichiarato che l’omicidio è stato uno dei peggiori crimini con i quali hanno avuto a che fare negli ultimi 30 anni. Martin non ha, hanno aggiunto, mostrato alcun rimorso, è stato un bugiardo, freddo e calcolatore.