Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Siria, ferito alla testa il fotografo italiano Gabriele Micalizzi. E’ ricoverato in gravi condizioni

CONDIVIDI

micalizzi C’è molta apprensione per le sorti di Gabriele Micalizzi.

Il fotografo italiano è rimasto ferito in Siria mentre lavorava ad un servizio per la CNN.

Micalizzi si trovava assieme ad un collega nella zona d’operazioni di Deir Ezzor, proprio quell’area dove la coalizione guidata dagli Stati Uniti sta lanciando l’ultimo assalto allo Stato Islamico: proprio lì, infatti, si trovano alcune delle ultime roccaforti dell’ISIS, e gli USA stanno cercando di sconfiggere definitivamente i miliziani di Al-Baghdadi assieme ai soldati delle Forze Democratiche Siriane.

Mentre stava lavorando al servizio assieme al collega su un edificio della zona, Gabriele Micalizzi è rimasto ferito in seguito al bersagliamento a colpi di kalashnikov proprio ai danni della struttura.

Micalizzi non è in pericolo di vita

Stando alle prime notizie giunte dalla Siria, il fotografo italiano è rimasto ferito alla testa. Per questo è stato immediatamente evacuato verso un ospedale americano nella base di “Omar Field”. Il 34enne fotoreporter di fama internazionale, secondo fonti locali, è ricoverato in gravi condizioni ma non è in pericolo di vita.

Lo riferisce il Rojava information center, che fa capo alle forze curdo-siriane che guidano l’offensiva anti-Isis nella zona di Baghuz, sulla riva orientale dell’Eufrate. Diplomato all’Accademia di Belle Arti, Micalizzi è noto a livello internazionale per i suoi reportage di guerra.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram