Io sono Mia, il personaggio del fotografo Andrea, amore di Mia Martini, ispirato ad Ivano Fossati: “Non c’è voluto essere”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:40

Record di ascolti per il film ispirato alla vita di Mia Martini

È andato in onda ieri sera 12 febbraio 2019, su Rai 1, il film ispirato alla grande Mia Martini, per gli amici “Mimì“, intitolato “Io sono Mia” con protagonista l’attrice e cantante Serena Rossi. Il film racconta la vita della compianta cantante, scomparsa prematuramente per cause che ancora oggi non sono molto chiare. Dal rapporto difficile con il padre agli esordi della sua carriera, sino ad arrivare all’apice ed al declino dovuto in parte a stupide dicerie. Il film si concentra su Mia Martini, sulle sue canzoni e sui pettegolezzi che giravano su di lei. Per tutti Mimì era la cantante che portava sfortuna, e la Rossi è stata davvero molto brava a sottolineare l’inquietudine e la solitudine che ha accompagnato Mia Martini in quel periodo della sua vita così particolare.

io sono mia

“Io sono Mia”: il personaggio Andrea ispirato ad Ivano Fossati 

Il film “Io sono Mia” non ha raccontato solamente i successi, e l’andamento della carriera, della cantante e sorella di Loredana Bertè, ma anche le sue relazioni amorose ed amicali. Tutti sappiamo che uno dei più grandi amori di Mia Martini è stato Ivano Fossati, che però non ha voluto che la produzione lo coinvolgesse nel progetto citandolo. Si cercò di rimediare elaborando il personaggio di Andrea, a lui ispirato, che nella fiction è un talentuoso fotografo. La stessa scelta l’ha fatta anche Renato Zero, grande amico delle sorelle Bertè, che nel film è “rappresentato”  dall’eccentrico Anthony. Le ragioni di questa scelta non sono ancora chiare fatto sta che, seppur non citati, il pensiero di tutti è andato proprio a loro due.

Ecco le parole di Serena Rossi a riguardo: “Non ci sono voluti essere. Ce lo hanno imposto, non si può forzare una persona a fare una cosa che non vuole fare.
Mi spiace molto, ma non ha tolto nulla a questa meraviglia che è stata fatta.”