Ambasciatore francese rientra a Roma. Di Maio assicura: “Nessun dialogo con i violenti”

L’ambasciatore francese ha fatto rientro a Roma. 

Dopo la tempesta, tra Italia e Francia sembra essere tornato il sereno. Come noto, il governo guidato da Emmanuel Macron non aveva affatto gradito l’incontro tra il Movimento 5 Stelle e i gilet gialli, che da tempo sono nelle strade e nelle piazze delle città francesi per chiedere le dimissioni del primo ministro.

In tutta risposta a questo endorsement, i francesi avevano deciso di richiamare l’ambasciatore a Roma, alzando al massimo la tensione tra i due Paesi.

Ora tutto sembra essere rientrato, con la Francia che ha fatto sapere che i leader italiani “si sono rammaricati per i loro comportamenti francamente scortesi e inaccettabili”.

Di Maio: “Nessun dialogo con i violenti”

Un dietrofront che ha convinto la Francia a far tornare il proprio ambasciatore a Roma.

Probabilmente a dirigere il tutto verso un esito positivo è stato anche l’intervento del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e le ultimissime dichiarazioni del vicepremier del Governo Conte, Luigi Di Maio, che ha affermato di non voler confrontarsi in nessun modo “con quell’anima che parla di violenza, lotta armata e guerra civile”.

Chiaro il riferimento del ministro pentastellato a Cristophe Chalencon, uno dei leader del movimento di protesta francese, che ha esternato le sue posizioni golpiste.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram