Bimba di sei anni stuprata e soffocata, il suo corpo presentava 117 ferire negli organi genitali

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:00
il corpo presentava 117 ferite all'altezza degli organi genitali
(Facebook)

Il processo ai danni del 16enne accusato di aver ucciso Alesha, bimba di sei anni stuprata e uccisa, è cominciato. Gli esami del patologista evidenziano 117 ferite nella regione genitale della vittima.

Il delitto di Alesha MacPhail è rimasto impresso nella mente dei cittadini britannici poiché la vittima, una bambina di soli 6 anni, è stata prima stuprata e successivamente uccisa e abbandonata in un bosco. Le indagini hanno portato all’arresto di un ragazzo di 16 anni (il cui nome non può essere rivelato per rispetto della privacy) che adesso si deve difendere dalle accuse di rapimento, stupro e omicidio.

Durante il processo ai danni dell’accusato, iniziato in questi giorni, il medico che si è occupato di esaminare il cadavere della bambina ha evidenziato come negli organi genitali della vittima ci fossero 117 ferite, causate sia dallo stupro (non è chiaro se con un oggetto o con una parte del corpo umano) che dalla durezza del suolo -c’erano numerosi tagli sul corpo della vittima – in cui è avvenuto il crimine. Il aula sono state anche mostrate le foto delle parti lesionate dall’aggressione ed il medico ha dichiarato di non aver mai visto ferite così gravi in altri casi simili.

Bimba di sei anni stuprata e uccisa: l’accusato nega la colpevolezza

Dalle analisi autoptiche è emerso anche che l’omicidio e la precedente violenza sessuale non sono stati compiuti nel bosco: le piante dei piedi della bambina, infatti, erano completamente pulite il che mostra che è stata trasportata in quel luogo solo successivamente. Per quanto riguarda l’omicidio, gli inquirenti ritengono che sia stato commesso per nascondere la precedente violenza: l’assassino non voleva che la bambina lo denunciasse. La linea della difesa nel corso del processo non è cambiata, l’imputato continua a sostenere di non c’entrare nulla con l’accaduto.

 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram