Foligno, i genitori dei bambini di colore umiliati: “Ha chiamato mia figlia scimmia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:02
"Ha chiamato mia figlia scimmia"
(Screenshot Video/Repubblica)

I genitori dei due bambini umiliati in classe dal maestro per il colore della loro pelle, raccontano all’avvocato le discriminazioni subite dai figli.

La brutta vicenda emersa dalla scuola elementare di Foligno, in cui un maestro ha pesantemente insultato due bambini di origine africana per il colore della pelle, ha giustamente generato uno scandalo a livello nazionale. L’insegnante, interrogato sulle accuse dei genitori, ha provato a giustificarsi con la dirigente scolastica sostenendo di aver messo in pratica un esperimento sociale per far capire agli alunni la gravità delle discriminazioni.

La giustificazione non è servita ad evitare la sospensione al maestro (decisa quest’oggi dal Miur) né a convincere i genitori dei bambini a ritirare la denuncia nei suoi confronti per discriminazione razziale. Sulla vicenda sta indagando anche la procura di Foligno che nei prossimi giorni e nelle prossime settimane cercherà di appurare nel dettaglio quanto successo nelle aule della scuola.

Bambini umiliati a Foligno, i genitori: “Ha chiamato mia figlia scimmia”

Intanto su ‘Repubblica‘ è stato pubblicato un video in cui il padre dei due bambini spiega all’avvocato i comportamenti gravemente offensivi del maestro. Prima di quel sabato in cui ha costretto i due fratelli a fissare un punto alla finestra, l’insegnante aveva già insultato i bambini. Il padre spiega che in una prima occasione aveva detto alla figlia: “Sei brutta come tuo fratello, sei così brutta che possiamo chiamarti scimmia”. Mentre il piccolo era stato portato addirittura davanti ad un’altra classe, dove l’insegnante aveva detto agli alunni: “Guardate quanto è brutto”.

La reiterazione del comportamento, il modo in cui l’uomo ha rivolto ai bambini gli insulti, il fatto che non avesse concordato con nessun dirigente di fare un simile esperimento ed il fatto che non avesse mai parlato con i bambini di un simile progetto sono prove sufficienti per i genitori dei bambini per affermare: “Questo non era un esperimento, tu non puoi fare un esperimento con un solo ragazzo di colore dentro la classe”.

Ecco il video di Repubblica:

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!