Stupro di gruppo nel centro sociale: condannati 5 teste, coprirono con omertà i colpevoli 

Stupro di gruppo nel centro sociale: condannati 5 teste, coprirono con omertà i colpevoli

Omertà e violenza, condanne per lo stupro nel centro sociale

La brutta faccenda dello stupro di gruppo nel centro sociale antifascista avvenuto nel settembre del 2010 a Parma vede pronunciare ulteriori condanne. Cinque testimoni sono stati condannati per falsa testimonianza, per aver coperto i colpevoli della barbarie dietro una valanga di “non so, non ricordo”. Quando invece sapevano, e ricordavano. 

La vicenda avviene nel settembre del 2010, nella sede della Rete Antifascista Parmigiana, all’interno di uno stabile concesso dal Comune. Si festeggia l’anniversario delle Barricate del ’22: alla festa c’è anche una ragazza che da poco frequenta l’ambiente. Al termine della serata, la giovane viene stuprata a turno da tre persone, che filmano anche la scena. La donna, risvegliatosi il giorno successivo, decide di tenere per sè quanto avvenuto. 

“Guai a te se parli con gli sbirri e ci denunci”

La svolta avviene nel 2013, quando si indaga sulle bombe antifasciste di fronte alla sede di CasaPound a Parma. Proprio in questo contesto di indagini, i poliziotti si muovono in ambiente, quello dell’estrema sinistra, molto difficile da penetrare, dove tutti si coprono con omertà e silenzi.

Ma alla fine, gli autori dello stupro ai danni della giovane vengono tutti individuati a condannati. La ragazza era stata anche minacciata con metodi mafiosi, per essere costretta a ridimensionare la vicenda: altri membri della rete antifascista (A.S, 23 anni, D.D.P, 29, parmigiani, R.G., 28 anni (all’epoca dei fatti), reggiano, e una ragazza, M.D.P., milanese) sono indagati per estorsione, favoreggiamento e falsa testimonianza. 

“Stai zitta”, “guai a te se sporgi denuncia”, le minacce alla ragazza via cellulare ee Facebook. Di questi giorni, invece, è la notizia della condanna di cinque testimoni che vennero chiamati a deporre nel corso del processo. Sono stati condannati per falsa testimonianza a 1 anno e 8 mesi. 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram