Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Una fiction scatena il caos tra Francia e Israele: “vittima” il candidato di Parigi all’Eurovision

CONDIVIDI

Bilal HassaniUn attentato all’Eurovision per mano di un cantante gay islamico. E’ la trama di una mini serie tv ma le coincidenze con il candidato reale di Parigi stanno generando il caos.

Una serie televisiva con troppe coincidenze ‘pericolose’ che rischiano di compromettere la correttezza competizione musicale più attesa. Sta generando non poche polemiche la mini-serie in tre episodi intitolata Douze Points, ideata da due produttori della televisione israeliana Kan, dopo che in molti hanno notato una serie di elementi riconducibili nientemeno che a colui che rappresenterà la francia alla finale dell’Eurovision in Israele il 18 maggio 2019. La trama della serie tv infatti vede il Mossad impegnato nel tentativo di sventare un attentato che deve essere messo a segno, in diretta televisiva, proprio all’Eurovision 2019 a Tel Aviv.

Le coincidenze che hanno creato un caso di stato

E a compierlo, dietro ordine dell’Isis è un cantante omosessuale musulmano di origine maghrebina, rappresentante della Francia al contest musicale. Guardacaso Bilal Hassani, youtuber 19enne è un cantante musulmano di origine maghrebina: sembra si tratti di una vera e propria coincidenza ma decisamente imbarazzante tanto più che la messa in onda della serie tv è prevista proprio pochi giorni prima della reale serata dell’Eurovision, e questo andrebbe a creare un pesante danno di immagine al concorrente proveniente dalla Francia, che dovrà sfidare 41 diversi concorrenti compreso l’italiano Mahmood, trionfatore a Sanremo con ‘Soldi’.

La serie verrà boicottata?

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera che riprende i giornali israeliani Haaretz e Ynet, vi sarebbero già forti pressioni da parte della Francia per impedire che la serie venga mandata in onda; Jon Ola San, capo di Eurovision, si è inoltre recato in Israele per venire a capo del problema: dal canto loro i produttori hanno sottolineato di aver avuto l’idea ben prima che Bilal Hassani venisse scelto per rappresentare la Francia all’Eurovision mentre la tv francese nega di aver minacciato un boicottaggio.

Attacchi social contro Bilal Hassani

Nato in una famiglia marocchina di Casablanca, Bilal è finito suo malgrado nel calderone delle polemiche ricevendo messaggi di sostegno ma anche tanti insulti da parte dei musulmani radicali. Viene accusato di essere un traditore e di aver ripudiato la cultura islamica; attacchi sono arrivati anche da decine di razzisti ed omofobi che, nonostante sia nato a Parigi, non lo considerano un vero francese. Ad Eurovision porterà un brano intitolato Roi.

Leggi NewNotizie.it, anche
su Google News

Segui NewNotizie.it
su Instagram