Ha un coltello conficcato nella schiena ma vuole andare a fumare: l’incredibile storia di un paziente russo

Aveva voglia di fumare una sigaretta e ha tentato di uscire dall’ospedale in cui era stato ricoverato. Il paziente, però, aveva un coltello piantato nella schiena

Sembrerebbe una storia di quelle a cui si fa fatica a credere (e che di solito bolleremmo come una fake news) ed invece pare che si tratti di un fatto realmente accaduto. Ci troviamo in Russia, a Kazan, e qui, in un ospedale, un paziente di  34 anni di nome Vladimir è stato visto aggirarsi per i corridoi della struttura in condizioni davvero assurde. Il giovane uomo, soccorso dopo una brutale rissa, ha cercato di uscire dall’ospedale per fumare una sigaretta, in attesa delle cure mediche che tardavano ad arrivare. La cosa singolare è che pare che l’uomo avesse un coltello conficcato esattamente al centro della schiena e che camminasse noncurante delle sue condizioni di salute molto gravi.

Ha un coltello conficcato nella schiena ma vuole andare a fumare: l’incredibile storia di Vladimir

Una storia, singolarissima, quella che stiamo per raccontarvi e che è stata ripresa da testate giornalistiche straniere (come Metro.co.Uk) ed anche da qualcuna italiana (come Leggo). Vladimir, 34 anni, è rimasto coinvolto in una terribile rissa (probabilmente avvenuta a causa dell’alcol) che lo ha visto finire in condizioni pessime: con la lama di un coltello interamente conficcata nella schiena. È accaduto a Kazan, in Russia, e Vladimir è stato soccorso e trasportato in ospedale. Una ferita del genere è potenzialmente mortale, ed invece pare che il 34enne sia sopravvissuto. Anzi, nell’attesa di essere visto dai medici il paziente ha tentato di uscire dall’ospedale perché colto dal desiderio di voler fumare una sigaretta.

Ha un coltello conficcato nella schiena ma vuole andare a fumare, i medici lo convincono a curarsi

Un uomo in intimo, con un coltello conficcato nella schiena e due-tre rivoli di sangue che scorrono giù, che si aggira a piedi nudi tra i corridoi di un ospedale nel tentativo di guadagnare l’uscita e di poter fumare una sigaretta: una storia assurda quella che arriverebbe da Kazan e che vedrebbe protagonista un 34enne non meglio identificato se non come Vladimir. Il giovane, che è stato filmato nel video che qui vi abbiamo riproposto, nonostante le sue gravissime condizioni di salute ha opposto resistenza quando infermieri e medici hanno cercato di convincerlo a tornare a letto. Oltre alla ferita, la temperatura esterna pari a -10° lo avrebbe sicuramente ucciso dandogli il colpo di grazia. Pare che, infine, Vladimir si sia convinto a tornare a letto e a farsi medicare.

Su questa vicenda, vista la particolarità della notizia, cercheremo di fornirvi prossimamente ulteriori aggiornamenti.

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram