“Il Cardiff ha negato il volo a Emiliano Sala”. Ma i messaggi su WhatsApp smentiscono l’accusa

emiliano sala cardiff voloEmiliano Sala poteva salire su un altro volo e salvarsi la vita. 

L’ex giocatore di football americano Willie McKay ha affermato che il ventottenne è stato “abbandonato” dal club della Premier League, e per questo ha scelto di partire da solo per il Regno Unito.

Il volo privato con Sala a bordo precipitato nella Manica è stato organizzato da McKay, il cui figlio ha mediato il suo trasferimento da Nantes a Cardiff, per un costo di 15 milioni di sterline, pari a circa 17 milioni e mezzo di euro.

L’aereo Piper Malibu che lo trasportava è precipitato in mare lo scorso 21 febbraio, lungo la tratta Nantes-Cardiff. Oltre a Sala, nel terribile schianto ha trovato la morte anche il pilota David Ibbotson.

Come riportato dal Daily Star, McKay sostiene di aver organizzato il volo perché a Cardiff non è stato offerto alcun aiuto a Sala, che si era recato a Nantes per salutare compagni di squadra e amici.

Dura la replica del Cardiff: “E’ stato Sala a rifiutare il volo”

Tuttavia, uno scambio su WhatsApp tra Sala e un dirigente del Cardiff, pubblicato dal quotidiano francese Ouest-France, sembra contraddire le sue affermazioni.

Uno screenshot dei messaggi, scritto in francese e in spagnolo, mostra che è stato lo stesso Emiliano Sala a rifiutare il volo commerciale.

Tuttavia McKay insiste, e alla BBC esprime tutto il suo sdegno: “Comprano un giocatore per 15 milioni di sterline e poi lo lasciano in un albergo a cercarsi un volo da solo. Stanno mentendo, ed è disonorevole”.

Netta la replica del Cardiff City: “Il nostro club stava organizzando un volo commerciale per Emiliano Sala, fino a quando questa offerta non è stata declinata a causa di accordi separati, le cui pianificazione e specifiche non erano a nostra conoscenza”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram