ESCLUSIVA Sen. Nisini (Lega): “Legge droga? Togliere dalle strade chi spaccia morte. Legittima difesa? Un sacrosanto diritto per garantire il calo dei reati”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:46

Nisini

Analisi della Sen. Nisini della Lega

Buonasera Senatrice Nisini, condivide la posizione del leader Salvini in merito al disegno di legge sulla droga?

Assolutamente sì! Il disegno di legge infatti prevede dai tre ai sei anni di carcere per chi produce, traffica e detiene stupefacenti (attualmente è di un minimo di sei mesi ad un massimo di quattro anni). Anche la multa diventa ben più che doppia: si arriva ad un minimo di cinquemila euro ad un massimo di ventimila, contro l’attuale minimo di 1032 e massimo di 10329. Sia chiaro, le contestazioni che ci vengono rivolte non hanno fondamento, infatti come già ben espresso da Salvini eliminando il concetto di modica quantità non c’è il rischio di colpire chi consuma perché ai poliziotti e ai giudici è ben chiaro quale quantità porta dal consumo allo spaccio! La nostra intenzione è di togliere dalle strade chi spaccia morte! Le scelte personali di ciò che ognuno fa a casa propria non sono da noi sindacate, ma quella gente assolutamente deve sparire dalle strade, dalle vie vicino alla scuola ad esempio… Ricordo quanto accaduto  pochi giorni fa, quando un tossico che guidava ubriaco, senza patente, ha incrociato un papà e una mamma uccidendoli e lasciando quindi soli dei bambini! Era coinvolto nel sequestro di 225 chili di droga ed era a spasso… Com’è possibile? Qui si tratta di salvare delle vite, nient’altro… Penso che lo Stato debba essere in prima linea! Qualche detrattore ha sollevato il problema del sovraffollamento delle carceri, altra cosa insussistente  in quanto sono già previste nuove assunzioni per potenziare la Polizia penitenziaria. Salvini ha affermato che sono state già stanziate notevoli risorse economiche per migliorare gli stabili e gestire nuovo personale. Da non sottovalutare, inoltre, gli effetti della Riforma della Giustizia voluta da Bonafede, che porterà ad un concreto miglioramento della giustizia italiana.

La Sen. Nisini su legge droga e legittima difesa

Per quanto riguarda la riforma sulla legittima difesa tanto voluta dal vicepremier Salvini, come si spiega questo duro contrasto del ‘Movimento 5 Stelle’ a riguardo? Qual è il suo parere personale in merito alla legittima difesa?

Sicuramente questo Governo ha al suo interno sensibilità diverse, che rispettiamo. Personalmente non comprendo come si possa non essere a favore di una legge che tutela le persone all’interno della propria casa… La legittima difesa è un sacrosanto diritto per le persone perbene! Sono sincera, ho dei bambini e se a casa mia, con loro presenti e magari uno di noi genitori solo, entra un ladro, è quest’ultimo che è in torto e che può subirne le conseguenze. Ogni italiano è legittimato a difendersi senza subire processi, ha solo difeso la sua famiglia e la sua casa… Lo stesso deve valere per aziende e capannoni. Se un italiano si sente in pericolo di vita ha il diritto di difendersi, è il rapinatore che non deve entrare in casa nostra… Ciò che noi non vogliamo è che ci siano risarcimenti per i parenti dei rapinatori. Certo, io non auspico affatto che tutti si armino, ma il dovere del Governo che rappresento però è quello di garantire il calo dei reati e la certezza della pena!

Simone Ciloni

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram