Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia

Prato, insegnante incinta di alunno 14enne. Feltri: “Non punirei lei che non ha recato dispiacere al giovine”

CONDIVIDI

E’ una vicenda di cronaca che vi abbiamo riportato ieri e che ha fatto e sta facendo parlare, per le implicazioni morali relative all’accaduto: a Prato una insegnante di 35 anni sarebbe andata a letto e sarebbe stata messa incinta da un ragazzino di 14 al quale impartiva ripetizioni private (venendo indagata per violenza su minore, data l’età del ragazzo, sia pur consenziente).

Quest’oggi, sulle pagine di ‘Libero’, il giornalista Vittorio Feltri ha espresso la propria opinione al riguardo.

E, come sempre quando Feltri mette mano alla propria penna, sono parole desintate a far discutere.

Di seguito vi proponiamo un breve estratto (mentre qui potete leggere tutto l’editoriale del Direttore, pubblicato da Dagospia)

Se devo essere sincero non me la sento di dare addosso a una signora che, in fondo, non ha fatto nulla di male, posto che un rapporto sessuale non nuoce a nessuno, nemmeno a un adolescente. Tantomeno me la prenderei con quest’ ultimo che ha approfittato della disponibilità, pure eccessiva, della donna per compiere ciò che tutti desiderano compiere: una sana scopata, probabilmente la numero uno della sua vita. E allora che facciamo? Una idea ce l’ avrei.

Eccola. Non punirei lei che non ha recato dispiacere al giovine, al quale ha concesso una gioia rara a uno della sua età, e non costringerei lui a provvedere all’ erede non essendo questi in grado di valutare le conseguenze del proprio abbandono ludico. A mio modesto parere la legge non è autorizzata ad esplorare quanto accade sui materassi e sotto le lenzuola, sono affari privati, talmente privati da non meritare l’ intromissione delle toghe. D’ accordo, qui è nato un pargoletto. Ma chiunque sa che è meglio crescere che calare. Un fanciullo in più non è una iattura a condizione che qualcuno, per esempio la madre, se ne prenda cura.<