Home Spettacolo

Corrado Guzzanti e la truffa milionaria: “Per un lungo periodo piangevo nel sonno. Ero in difficoltà anche a fare la spesa”

CONDIVIDI

E’ un racconto drammatico, quello che emerge dalle parole riportate dal ‘Corriere della Sera’ dell’amato attore comico capitolino Corrado Guzzanti: “Per un lungo periodo ho avuto difficoltà a dormire per gli incubi e gli scoppi di pianto nel sonno. Questa cosa mi imbarazza ma per fortuna, grazie alla mia compagna che mi è rimasta sempre vicina a farmi coraggio, con molta lentezza ho ripreso a vivere. Ero in difficoltà anche a fare la spesa. Nel 2014 me la sono cavata con due o tre lavori che mi hanno permesso di guadagnare abbastanza per pagare le tasse e la casa e sono stati come una specie di terapia per ripartire. Poi nel 2015 è arrivato un nuovo progetto”.

Secondo quanto narrato, Guzzanti sarebbe stato vittima di una truffa milionaria, ordita  Valerio Terenzio Trigona, suo manager e produttore (conosciuto nel 1994, ai tempi di ‘Tunnel’).

Già collaboratore di artisti del calibro di Dalla, Morandi, Ron, Trigona avrebbe convinto Guzzanti ad affidargli la gestione di una parte dei suoi guadagni per reinvestirli in titoli tedeschi, raggirandolo di fatto perché il conto creato ad hoc per questi titoli tedeschi non sarebbe mai stato usato a tal fine, anzi: secondo il capo d’imputazione Trigona “effettua prelievi, dispone bonifici, effettua operazioni di giroconto e richiede assegni circolari”, falsificando la firma di Guzzanti (o facendola falsificare al dipendente Cesare Vecchio, presunto complice).

Secondo quanto riportato dal Corriere il celebre attore capitolino sarebbe stato raggirato per almeno 400mila euro.

Con Trigona era nata una collaborazione professionale che ben presto era diventata anche una intensa amicizia contraddistinta, ritenevo purtroppo a torto, da un rapporto di reciproca fiducia. E invece hanno svuotato sistematicamente i miei conti bancari con la incredibile accondiscendenza degli operatori di sportello”, ha concluso Guzzanti, tradito da quello che riteneva frattanto un amico.