Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Donna si aggrappa alla sua Mercedes per non farsela rubare dai rapinatori: travolta ed uccisa. Ladri in fuga

CONDIVIDI

Donna si aggrappa alla Mercedes per non farsela rubare: travolta ed uccisa. Ladri in fugaDonna investita dai ladri della sua auto: muore in ospedale 

Tragedia a Noventa Vicentina, provincia di Vicenza, dove ieri una donna è rimasta uccisa durante una rapina. Tutto è avvenuto ieri, mercoledì 13 marzo, attorno alle 13, fuori dall’ufficio postale di Noventa Vicentina. Una donna, una veronese di 50 anni, era in zona con la nipote di 32 anni e stava svolgendo alcune pratiche negli uffici postali. La 50enne era appena scesa dalla sua Mercedes a Noventa Vicentina. 

A quel punto sono entrati in azione due banditi i quali volevano rubare i soldi della donna: uno dei due malviventi ha aperto la portiera della Mercedes Classe E coupè per cercare di rubare il denaro. Dopo di che ha sollevato la donna di forza per farla uscire dalla vettura e si è messo alla guida dell’auto. 

La 50enne, per evitare che il bandito si allontanasse con la sua vettura, si è aggrappata alla portiera ma è rimasta travolta e ferita gravemente dall’auto. La donna prima ha battuto la testa prima contro il finestrino, rompendolo, e poi sull’asfalto dove è rimasta inerte. 

Malviventi in fuga, posti di blocco per trovarli

Il malvivente, dopo essere andato a sbattere dopo 200 metri contro un palo, si è dato alla fuga su una Panda guidata da un complice. Per la 50enne, di nome Michaela Stoicescu e di origine veronese, non c’è stata nulla da fare: ancora viva è stata soccorsa e portata in gravissime condizioni all’ospedale di Vicenza per la rianimazione, ma purtroppo non ce l’ha fatta e dopo circa due ore è morta al San Bortolo a causa delle gravi ferite. 

La nipote è rimasta illesa ed ha potuto vedere sotto i suoi occhi la tragica sequenza degli eventi. Sconcertato il sindaco di Noventa, Marcello Spigolon, che parla di un “fatto increscioso e gravissimo e stiamo aspettando che gli inquirenti facciano chiarezza su quanto accaduto nella speranza che i responsabili siano catturati. La comunità è sconvolta per la gravità del fatto e perché, vista la dinamica, l’orario e il luogo poteva coinvolgere anche altre persone, anche dei bambini”. La polizia ha messo ovunque posti di blocco per cercare di intercettare i malviventi. 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram