Zingaretti indagato per finanziamento illecito dopo la soffiata di un avvocato. “Ho fiducia nella giustizia”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:56

Zingaretti indagato per finanziamento illecito dopo la soffiata di un avvocato. "Ho fiducia nella giustizia"Zingaretti indagato per finanziamento illecito 

Nuovi guai per il neo-segretario del Partito Democratico, Nicola Zingaretti, che si trova invischiato in una indagine per finanziamenti illeciti. Secondo l’accusa, rivelata da L’Espresso, il neo-segretario avrebbe “beneficiato di erogazioni per la sua attività politica da un imprenditore arrestato nel 2018”. 

L’indagine che vede al suo centro anche Zingaretti lo accusa di aver ricevuto erogazioni per la sua attività politica dall’imprenditore Fabrizio Centofanti, che nel 2018 venne arrestato nell’ambito dell’indagine sull’acquisto delle sentenze del Consiglio di Stato. 

Da dove proviene l’indagine su Zingaretti 

L’accusa viene dall’avvocato Giuseppe Calafiore, a sua volta indagato con l’ex legale dell’ENI Piero Amara per le presunte sentenze comprate al Consiglio di Stato, inchiesta nelle mani della Procura di Roma. Centofanti, arrestato nel 2018 e rilasciato in attesa del processa, “era sicuro di non essere arrestato” – comunica Calagiore – “perché riteneva di essere al sicuro in ragione di erogazione che lui aveva fatto per favorire l’attività politica di Zingaretti”.

Da questa dichiarazione l’attenzione dei pubblici ministeri si è rivolta a Zingaretti. I quali si sono chiesti se le erogazioni fatte da Centofanti a Zingaretti fossero o meno lecite. L’avvocato risponde “Assolutamente no, per quanto egli mi diceva. Non so con chi trattava tali erogazioni. Lui mi parlava solo di erogazioni verso Zingaretti. Mi disse che non aveva problemi sulla Regione Lazio perché Zingaretti era a sua disposizione. Me lo ha detto più volte, prima della perquisizione”. 

Al momento, sostiene L’Espresso, non vi sarebbero prove delle erogazioni in questione. Comunque Zingaretti è stato iscritto nel registro degli indagati e l’accusa è di finanziamento illecito. Dopo le accuse per Mafia Capitale, il neo-segretario è invischiato ancora nella giustizia, ma se non si troveranno prove è probabile l’archiviazione.
“Sono tranquillo, forte della mia totale estraneità ai fatti” dichiara Zingaretti. “Nessuna sorpresa, visto che era già stato indagato per Mafia Capitale. Perdi il pelo ma non il vizio” commentano dal M5S. 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!