“L’abbiamo bruciata e siamo andati in discoteca”: l’agghiacciante racconto degli assassini di Nicoletta

l'agghiacciante racconto degli assassini di NicolettaDopo quattro interrogatori gli assassini di Nicoletta Indelicato hanno confessato il delitto. Il loro racconto è agghiacciate: dopo averla bruciata, la coppia è andata a ballare come se non avesse fatto nulla.

L’omicidio di Nicoletta Indelicato, ragazza con origini romene di appena 24 anni, è talmente brutale da risultare quasi irreale. A raccontare al procuratore i dettagli di quanto successo sabato notte a Marsala è stato Carmelo Bonetta, insegnante di danza e fidanzato di Margareta, amica di Nicoletta, anche lei romena e adottata da una coppia di Marsala.

I tre si conoscevano da qualche mese, Margareta e Nicoletta avevano partecipato come modelle ad alcuni eventi di moda ed avevano stretto il loro rapporto su internet. Tra loro si sarebbe messo Carmelo, il quale sostiene di aver avuto una relazione con la vittima. L’assassino ha infatti dichiarato agli inquirenti che, dopo quel rapporto, Nicoletta lo aveva confessato alla fidanzata e metteva in giro voci su una sua presunta dipendenza dalla droga. Questa sarebbe dunque la motivazione che lo ha indotto a vendicarsi della 24enne: “La dovevamo mettere a tacere”.

Il racconto agghiacciante della sera dell’omicidio 

Secondo il racconto di Bonetta, la sera dell’omicidio Margareta e Nicoletta sono uscite assieme e lui si sarebbe nascosto nel bagagliaio dell’auto della fidanzata con accanto una tanica di benzina ed un coltello. Dopo un giro in città ed una tappa al bar, Margareta ha portato l’amica nei pressi di una campagna per una passeggiata, a quel punto Carmelo sarebbe entrato in azione: “Sono uscito dal portabagagli, l’ ho accoltellata con sei fendenti. Margareta si è nascosta dentro alla macchina. Poi le ho gettato la benzina addosso e ho dato fuoco. Siamo andati via. Dovevamo farla smettere di dire bugie”.

Probabilmente per crearsi un alibi, gli assassini sono tornati a casa si sono cambiati gli abiti e si sono recati in una discoteca, dove hanno passato gran parte della notte. Gli inquirenti hanno qualche dubbio sulle motivazioni addotte per l’omicidio e su qualche dettaglio del racconto. Pochi dubbi invece sul fatto che l’omicidio era stato pianificato con una freddezza sconvolgente ed è stato attuato con una crudeltà fuori dal comune.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram