Ius Soli, il rammarico di Delrio: “Noi del PD poco coraggiosi. Ma con Zingaretti…”

delrio ius soli Dopo la strage sventata a Milano grazie anche allo studente eroe, si torna a parlare di Ius Soli. 

Nella giornata di ieri, il ministro del Lavoro e vicepremier del governo Conte, Luigi Di Maio, ha detto di essere favorevole al conferimento della cittadinanza a Ramy, lo studente eroe che ha indirizzato al telefono i carabinieri che hanno così fermato Ousseynou Sy, l’autista dello scuolabus, sventando il folle piano del 47enne.

Tuttavia, Di Maio ha anche tenuto a precisare che non c’è motivo di tornare a parlare di Ius Soli, in quanto la misura non è prevista nel contratto di governo che ha sancito la nascita della maggioranza gialloverde che sostiene l’attuale esecutivo.

Delrio (PD): “Su Ius Soli non abbiamo avuto coraggio”

Sullo Ius Soli ha parlato anche il capogruppo del Partito Democratico alla Camera, Graziano Delrio, che in un’intervista al quotidiano “La Repubblica” ha sottolineato come al PD sia mancato il coraggio: “Dovevamo mettere la fiducia sullo Ius Soli – afferma Delrio – Adesso con Zingaretti mi auguro che riprenderemo la battaglia”.

Delrio ha poi ricordato ai due vicepremier, Matteo Salvini e Luigi Di Maio, che ci sono circa 800.000 tra ragazzi e ragazze che attendono la cittadinanza italiana. “Non attenterebbe di certo alla nostra identità, quale danno pensate che possa venire? Significa riconoscere un diritto civile”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram