Pescatore trova la testa di uno squalo: è stato decapitato. Complottisti scatenati sul web

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:47

squalo pescatore Un enorme squalo è stato rinvenuto praticamente “decapitato”.

Un pescatore ha scoperto la testa mozzata del grosso squalo nell’oceano, e precisamente al largo della costa nei pressi di Sydney, in Australia. Il ritrovamento è avvenuto ieri mattina, come riferisce il Daily Star Online.

Trapman Bermagui – noto anche come Jason – stava effettuando una delle sue classiche battute di pesca al largo di Bermagui, una cittadina del Nuovo Galles del Sud, quando ha raccolto la testa dello squalo mako, dal peso di circa 100 kg.

Il pescatore ha pubblicato su Facebook la foto della testa mozzata dell’enorme squalo: “Questo è tutto ciò che è rimasto di questo squalo mako – ha scritto “Jason” – Purtroppo non abbiamo visto cosa lo ha mangiato ma deve essere stato di dimensioni impressionanti. La testa pesa circa 100 kg”.

I complottisti: “E’ opera dello squalo megalodon?”

Uno squalo mako può pesare fino a 570 kg, ed è anche uno dei più veloci della specie. Per “decapitarlo” serve una forza notevole: il post ha scatenato teorie sul formato della “bestia” che ha mozzato la testa dello squalo.

Alcuni hanno avanzato sospetti sullo squalo megalodon, che si pensa sia estinto quasi tre milioni di anni fa dopo circa 20 milioni di anni di esistenza nei mari.

Altri utenti hanno suggerito che lo squalo mako potrebbe essere stato attaccato da altri due squali.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

 

 

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!