Confindustria e le perplessità sul governo Lega-M5S: “Se ci sono divergenze strutturali meglio il voto”

Salvini e Di MaioIl voto anticipato non deve essere escluso, secondo Confindustria, qualora tra Lega e Movimento 5 Stelle si prendesse atto di forti divergenze strutturali.

Da Confiundustria è arrivato un monito al Governo legato al rischio di recessione ormai imminente per il Paese. Una paralisi, quella che ha travolto l’Italia, che se continuasse, avverte Confindustria, con 23 miliardi di clausole di salvaguardia da onorare nei prossimi mesi, che va affrontata con “responsabilità” perchè, in caso contrario, significa che qualcosa non sta funzionando ed occorre prenderne atto prima che la situazione economica raggiunga la situazione di irreversibilità.

Governo, rischio di voto anticipato?

Senza escludere anche la possibilità di voto anticipato, un’eventualità che pur dipendendo dai risultati, deve essere tenuta in considerazione poichè legata sia alla dimensione economica che alla capacità del governo gialloverde. Due aspetti dei quali, ricorda Confindustria, o il governo riesce a divenire parte integrante o i due partiti dovrebbero sedersi a un tavolo per capire se sia il caso o meno di andare avanti. Poichè in caso di divergenze strutturali occorre prenderne atto al più presto senza “galleggiare” con il rischio di peggiorare la situazione.

Confindustria contro il governo: “Divergenze, serve compattezza”

Il dialogo tra Confindustria e il governo è forte: “Abbiamo fatto le nostre proposte sulla crescita con un obiettivo chiaro: definire gli impatti sull’economia reale. La questione – prosegue la principale organizzazione rappresentativa delle imprese manifatturiere e di servizi italiani – sarà dirimente: nelle prossime settimane se dal dl crescita e da quello sblocca canteri arriveranno interventi massivi la crescita si potrà recuperare, se invece saranno interventi marginali, anche per conflitti interni al governo, la crescita non ci sarà”. Confindustria ha sottolineato come sia evidente la presenza di “grandi divergenze tra i due maggiori partiti di governo” e che servirebbe compattezza. “Confindustria e sindacato lo hanno dimostrato. Ci auguriamo che anche i due partiti che sono a capo del governo lo facciano”.

Leggi NewNotizie.it, anche
su Google News

Segui NewNotizie.it
su Instagram