Tony Colombo e Tina Rispoli, dopo le nozze trash arriva l’indagine della Procura di Napoli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:20

Le nozze trash tra il cantante neomelodico Tony Colombo e Tina Rispoli, vedova del boss Marino, sono finite nel mirino della Procura

Le nozze di Tony Colombo e Tina Rispoli

Una sequenza di eventi non autorizzati che, oltre a violare apertamente la legge, non hanno fatto altro che paralizzare la città e fare spostare il convegno dedicato alle vittime innocenti di camorra, “100 passi per il 21 marzo”, dal Maschio Angioino al Comune di Napoli. Molto sfarzo ostentato, un concerto di cui il Comune non era stato informato e una sfilata con tanto di carrozza e cavalli: il matrimonio trash tra il neomelodico Tony Colombo e Tina Rispoli, la vedova del boss Gaetano Marino ucciso nel 2012, è stato un po’ di tutto questo. Le fasi di questo matrimonio, celebrato il 28 marzo 2019 a Napoli, verranno ora attentamente esaminate dalla Procura per capire quante e quali violazioni siano state commesse. Tra le contestazioni proprio l’intralcio alla circolazione stradale causato dal passaggio della carrozza su Corso Secondigliano, preceduta da un’esibizione di giocolieri.

Sotto indagine le nozze trash tra Tony Colombo e Tina Rispoli, i Carabinieri indagano sui mancati permessi

Un botta e risposta fatto di accuse e di difese quello che sta accompagnando la polemica sulle nozze trash di Tony Colombo e di Tina Rispoli. Il matrimonio, celebrato a Napoli tre giorni fa, si è trasformato in una sorta di fenomeno da baraccone che ha interessato molte zone del centro storico, bloccando strade e mettendo persino in atto un piccolo concerto– con tanto di palco- in Piazza Plebiscito. Il Comune di Napoli non era stato informato, ma Tony Colombo ha dichiarato di aver richiesto i permessi e ha anche parlato della disponibilità a sposarlo dimostrata dal sindaco De Magistris (cosa che poi non  avvenuta per altri impegni del primo cittadino).

Sotto indagine le nozze trash tra Tony Colombo e Tina Rispoli, il pensiero di Fico e l’indagine della Procura

Intanto, contro gli eventi (quindi non autorizzati, almeno secondo la linea tenuta finora) che hanno fatto da corollario ala cerimonia si è scagliato senza mezzi termini anche il Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico: “Quanto avvenuto a Napoli è indegno. È necessario indagare, chi ha sbagliato deve pagare. Non è possibile che abbiano montato un palchetto in Piazza del Plebiscito, anche per parecchio tempo, e nessuno si sia mosso”, ha risposto il Presidente, interrogato dai cronisti durante la sua visita a Parete (Caserta). Ed infatti è proprio quello che sta avvenendo in queste ore: la Procura di Napoli ha iniziato a indagare per cercare di capire cosa sia stato autorizzato e cosa no. I Carabinieri hanno requisito tutta la documentazione necessaria esistente al Comune di Napoli, a Palazzo San Giacomo, al Comando della polizia locale e di due municipalità.

Sotto indagine le nozze trash tra Tony Colombo e Tina Rispoli, parla Tony Colombo e dice: “Rifaremo tutto”

In un’intervista rilasciata a Il Mattino Tony Colombo si è sfogato e ha parlato, con convinzione, di tutta la vicenda. Il cantante non sembra impaurito dall’indagine che è scattata e anzi ha annunciato di voler fare il bis. “Rifarò tutto: tra un mese nozze in chiesa. Trash? Ma quale trash? E che male c’è nel sognare un principe azzurro e una principessa trainati da destrieri immacolati? Non abbiamo bloccato nessuna strada e, poi, anche gli scioperi e i cortei bloccano le strade, ma mica chiedono il permesso“. Il cantante ha concluso dicendo che lui non ha nulla a che vedere con la criminalità organizzata e che la moglie Tina non può rimanere intrappolata nel suo primo matrimonio.

(Fonti: TGCOM24 e Giornale di Sicilia)

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!