Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

La 24enne stuprata sulla Circumvesuviana: “Ora temo la loro vendetta perché ho denunciato” 

CONDIVIDI

La 24enne stuprata sulla Circumvesuviana: “Ora temo la loro vendetta perché ho denunciato” 24enne stuprata teme vendetta aguzzini 

La 24enne vittima di stupro in una stazione della Circumvesuviana, in un ascensore nella Circumvallazione di San Giorgio a Cremano a Napoli, teme la vendetta dei presunti stupratori.

Dopo che ben due dei giovani che sono accusati di aver violentato la ragazza sono stati rilasciati dagli arresti, la ragazza di Portici ha paura. Anche se con lei ci sono gli amici ed i familiari che la proteggono e non la lasciano mai sola, la 24enne teme una possibile vendetta. 

“Ora temo la loro vendetta” 

“Ero sola con i miei tre carnefici, in quell’ascensore. Forse però, a pensarci bene, un momento c’è stato, in cui avrebbero potuto aiutarmi. Per un istante si sono aperte le porte e uno di loro mi è venuto incontro, abbracciandomi, perché avevo i pantaloni abbassati. Ecco, se le persone si fossero soffermate un attimo a osservare la scena, forse si sarebbero rese conto che ero completamente inerme. E avrebbero potuto fare qualcosa” riflette la ragazza con Repubblica sui momenti dello stupro.

Temo che possano vendicarsi, non si aspettavano che li avrei denunciati. Non abitiamo distanti, potrei facilmente incrociarli di nuovo. Credo che i magistrati siano stati ingannati dal mio atteggiamento iniziale di benevolenza verso quei ragazzi. Si vede dai filmati, ma io non l’ho mai nascosto. Si sono avvicinati chiedendomi scusa per avermi seguita fino a casa giorni prima e io gli ho creduto” racconta la ragazza. Che però non perde la speranza: “Credo nel lavoro che stanno facendo i miei avvocati. E conservo la speranza, perché senza speranza è come se non ci fosse vita”. 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram