Rito abbreviato, ESCLUSIVA Sen. Modena (FI): “Non risolve il problema della certezza della pena”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:16

Modena

Abbiamo intervistato la Senatrice Modena sul rito abbreviato

Buon pomeriggio Senatrice Modena, grazie di essere qui con noi. Ieri in Senato è stata approvata la riforma del rito abbreviato: qual è il suo punto di vista a riguardo?

La modifica del rito abbreviato non risolve il problema della certezza della pena e intaserà le Corti di Assise. Il rito abbreviato, come hanno spiegato in sede di audizioni autorevoli magistrati, va inquadrato nell’ambito delle lotta alla criminalità organizzata. Consente, infatti, l’acquisizione di collaboratori di giustizia ed evita che vi siano allungamenti dei tempi che possono portare alla scadenza dei termini per la custodia cautelare. In pratica la nuova normativa è, ancora una volta, una sorta di specchietto per allodole: purtroppo il Paese lo toccherà con mano tra qualche anno, a danni ormai fatti.

Intervista alla Senatrice Modena di ‘Forza Italia’

Il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha recentemente espresso il suo ‘malcontento’ in merito alla situazione economica italiana: qual è il suo giudizio personale e soprattutto come giudica le affermazioni ottimistiche del Premier Conte?

Le parole del Presidente della Commissione europea non aiutano chi vorrebbe un’Europa cambiata e diversa, affrontando le questioni senza proclami. Quelle dichiarazioni, infatti, rischiano di essere percepite sempre come una ingerenza legata alle politiche di austerità. Questo diventa un vero problema anche e soprattutto alla luce del fatto che l’ottimismo di Conte è privo di qualsiasi fondamento. Non c’è nessun indicatore che può dare ragione al Presidente del Consiglio. Ma le tirate di orecchie da parte del Presidente della Commissione europea, paradossalmente, lo aiutano a livello di opinione pubblica. Concludendo: meno l’Europa critica l’Italia e più saranno le probabilità di stracciare il velo di ipocrisia del Governo Conte.

Simone Ciloni

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram