Brexit, la May scrive a Tusk e chiede un rinvio. La replica: “Non meno di 9 mesi”

brexit theresa may tuskIl Regno Unito chiede una proroga per la Brexit. 

Il primo ministro inglese, Theresa May, ha inviato una lettera a Donald Tusk, attuale Presidente del Consiglio europeo, per chiedere un rinvio dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea.

La scadenza è infatti fissata per il 12 aprile, e all’interno del Regno Unito c’è una situazione di incertezza, per non dire caos. Al momento, i britannici non hanno in mano alcun accordo per uscire dall’Europa, ed è per questo che la May si è trovata costretta a chiedere un rinvio fino al 30 giugno.

In questi mesi, come riportato dal quotidiano “La Repubblica”, il primo ministro britannico cercherà di arrivare ad un accordo.

Per l’UE estensione deve essere almeno di 9-12 mesi

Dato che non è da escludere possa accadere anche prima del 30 giugno, nella lettera a Tusk è stata proposta anche una clausola di revoca dell’estensione nel caso si profili questo scenario (un’estensione “flessibile”, ndr).

Sull’estensione, stando a quanto trapela dai “corridoi”, Donald Tusk e l’Unione Europea sarebbero propensi a concederla, ma con delle tempistiche decisamente differenti rispetto a quanto proposto da Theresa May: per l’UE non può essere inferiore a 9-12 mesi.

Nel caso non si arrivi ad un accordo, il Regno Unito potrebbe uscire dall’UE con il “No Deal”, e le conseguenze economiche potrebbero essere davvero molto gravi.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram