Altri due morti in un incidente stradale in Puglia: all’Italia il primato europeo dei decessi su strada

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:55

Nella notte altre due persone hanno perso la vita in un incidente stradale avvenuto nel barese. Secondo i dati raccolti, all’Italia va il primato dei decessi su strada in Europa

Un grave incidente stradale avvenuto nella notte sulla A14, tra i centri pugliesi di Molfetta e Bitonto, ha portato alla morte di due persone e al ferimento di una terza. Intanto, i dati statistici raccolti in fatto di incidenti stradali in Europa non lasciano dubbio alcuno: la media italiana dei decessi su strada è la più alta in Europa e supera la media stabilita da tutti gli altri Paesi membri. L’Europa punta, comunque, a ridurre al minimo le morti causate dagli incidenti, e anzi si punta a raggiungere la sicurezza più totale delle strade entro il 2050.

Altri due morti sulle strade della Puglia, un’auto si è ribaltata: c’è anche una persona ferita

L’autostrada A14 è stata funestata da un terribile incidente stradale mortale che ha coinvolto due veicoli, uno dei quali si è anche ribaltato. Il sinistro è avvenuto intorno alla mezzanotte di ieri sera e ha comportato la chiusura del tratto, per permettere tutte le operazioni di soccorso, rilievo e rimozione mezzi, fino alle ore 03:00 di questa mattina. Il veicolo stava percorrendo il tratto autostradale tra Molfetta e Bitonto- in direzione Bari, con a bordo un uomo e una donna di origini albanesi- si è ribaltata per motivi che sono ancora in fase di accertamento. L’automobile, una Renault Clio, ha coinvolto una Ford Kuga che stava  sopraggiungendo. La donna e l’uomo a bordo della Renault Clio sono morti. Ferito il conducente della Ford Kuga, un poliziotto di 43 anni che è stato soccorso e trasportato al Policlinico di Bari. Sul posto sono giunti, oltre agli uomini del 118, gli agenti della Polizia Stradale e i Vigili del Fuoco.

Altri due morti sulle strade della Puglia, l’Italia è il primo paese UE per incidenti stradali mortali

L’Italia si aggiudica il triste primato del più alto tasso di incidenti stradali mortali in Europa, con una media di 55 morti per milione di abitanti (la media europea si aggira su 49 morti). I dati che ci restituisce la statistica per l’anno 2017 parlano chiaro: il 21% dei morti su strada di due anni fa furono pedoni, il 15% motociclisti e una fetta dell’8% è rappresentato da ciclisti. Ma mentre l’Italia si ritrova a piangere quasi ogni giorno la morte di numerosi automobilisti, spesso e volentieri giovanissimi, per la Commissione le strade europee restano comunque le più sicure al mondo: l’obiettivo, ambiziosissimo, è quello di toccare la quota zero decessi sulle strade entro il 2050. Per raggiungere la meta dovranno essere messi in campo numerosi accorgimenti che oltre a vedere la creazione, per ogni Paese membro, di una cartografia che mappi i punti più a rischio delle varie strade, anche la costruzione di veicoli dotati di nuovi strumenti volti a limitare gli incidenti (come l’adattamento intelligente al limite della velocità).

(Immagine di repertorio)

(Fonti: La Gazzetta del Mezzogiorno e La Gazzetta dello Sport)

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!