Agguato in pieno giorno a Napoli: nonno ucciso di fronte al nipote, ferito il figlio 

Agguato in pieno giorno a Napoli: nonno ucciso di fronte al nipote, ferito il figlio Agguato a Napoli, morto un uomo

Agguato in pieno giorno a Napoli, dove un uomo è rimasto ucciso in una sparatoria questa mattina. Il fatto è avvenuto nel Rione Villa, a Ponticelli, Napoli. Un 57enne, Luigi Mignano, è rimasto ucciso da alcuni colpi di pistola e il figlio di 32 anni, Pasquale, è rimasto ferito nello stesso agguato. La sparatoria è avvenuta di fronte al nipote della vittima che si è salvato per miracolo. 

Tantissimi i proiettili esplosi verso Mignano, che però non era il bersaglio del raid. La vittima sarebbe dovuta essere il figlio di 32 anni, Pasquale Mignano, che invece è rimasto solo ferito alla gamba. 

Il nonno ucciso davanti al nipote

I killer sono entrati in azione in via Ravello attorno alle 9 di mattina. In quel momento il nonno stava accompagnando il nipotino a scuola assieme al figlio. I tre stavano entrando in auto quando è cominciata la sparatoria, che è stata particolarmente intensa. 

Come detto, sembra che la vittima designata dell’attacco fosse in realtà Pasquale Mignano, che invece è rimasto ferito ed è stato ricoverato all’Ospedale del Mare. Illeso, nonostante la pioggia di proiettili, il figlio di Pasquale che ha visto il nonno cadere per terra ucciso dai colpi di arma da fuoco. A terra, accanto al cadavere del nonno, resta lo zainetto del bambino. 

Luigi Mignano era considerato vicino al clan Rinaldi, attualmente in guerra con altri clan. Aveva precedenti per estorsione, 416 bis e droga. Il figlio Pasquale non aveva precedenti se non violazioni del codice stradale. 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram