“Italiano di m***a”: razzismo in Premier League contro Sarri, poi espulso

poi espulso
(Getty Images)

Episodio di razzismo contro Sarri nell’ultima giornata di Premier League: dalla panchina del Burnley qualcuno lo avrebbe chiamato “Italiano di m***a”.

Continua l’annata difficile di Maurizio Sarri sulla panchina del Chelsea. L’allenatore italiano ha infatti ottenuto un deludente pareggio in casa contro il Burnley (15° in classifica) ed ha complicato non poco la lotta Champions che vede adesso 4 squadre racchiuse in soli 3 punti, per due posti a disposizione. Se ciò non bastasse a rendere pessimo l’umore dell’ex tecnico del Napoli, prima della fine dell’incontro è giunta pure l’espulsione dovuta ad una reazione eccessiva, probabilmente generata dagli insulti che gli sono piovuti addosso dalla panchina avversaria.

Zola parla degli insulti a Sarri: “Era rattristato”

L’andamento della giornata ha messo Sarri di pessimo umore e costretto Gianfranco Zola a sostituirlo per le interviste di fine incontro. Proprio il manager dei Blues ha spiegato il perché il tecnico non è voluto andare in conferenza stampa a parlare con i giornalisti: “Sarri è stato espulso, penso che sia stato anche offeso, quindi non ha ritenuto che parlare fosse la cosa giusta. Penso che gli sia stato detto qualcosa dalla loro panchina, vedremo cosa fare a riguardo. Penso che la vicenda avrà un seguito: Capiamo che l’adrenalina possa giocare brutti scherzi, ma era rattristito”.

Se Zola non ha voluto specificare quale tipologia di insulto è stato rivolto a Sarri dalla panchina avversaria, l’informazione è comunque giunta da ‘ESPN‘ dove è stato spiegato che alcuni elementi della panchina del Burnley lo avrebbero apostrofato “Italiano di m***a”. Un’espressione di razzismo che nella polite Premier League non ci si sarebbe attesi di sentire e che sicuramente acuisce l’insoddisfazione del tecnico per un’annata che non è andata come tutti, lui compreso, si sarebbero attesi.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram