Bimba tiene in vita il fratellino neonato per tre giorni dopo l’omicidio-suicidio dei genitori

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:57

bimba salva fratellinoUna bimba di soli 3 anni è già considerata un’eroina: è sopravvissuta riuscendo a tenere in vita anche il fratellino di soli due mesi dopo la morte dei genitori

A soli tre anni è riuscita a tenere in vita il fratellino di soli due mesi per tre interi giorni, dopo che aveva perso entrambe i genitori. E’ già considerata un’eroina la bimba che in seguito all’omicidio e suicidio di mamma e papà si è presa cura del fratellino nato da una manciata di settimane: è accaduto a Los Angeles e nel dramma della morte di Mihoko Koike Parsa, uccisa da David Kooros Parsa che soffriva da tempo di stress e disturbi depressivi e che dopo l’omicidio si è tolto la vita, c’è uno spiraglio di luce.

La terrificante esperienza dei due bimbi

I due bimbi sono rimasti soli a casa ma la piccola è riuscita a fare in modo che il fratellino non morisse. E’ stato il nonno dei bambini ad allertare la polizia, preoccupato perchè dopo tre giorni non riusciva a mettersi in contatto con il figlio. E’ intervenuta una pattuglia limitandosi però ad un controllo all’esterno dell’abitazione e facendo rientro alla centrale senza aver rilevato nulla di anomalo. L’uomo ha allora deciso di contattare un agente immobiliare in possesso delle chiavi di casa, entrando nell’abitazione insieme ad alcuni vicini e facendo la terribile scoperta.

La scoperta drammatica nella villetta

Nell’abitazione c’era la bambina di tre anni e, al piano superiore, il fratellino. “Una piccola angioletta”, ha dichiarato Maureen Ryan, capitano della polizia di Los Angeles, “ai miei occhi è un’eroina”. I vicini hanno spiegato che la piccola “aveva uno sguardo perso in volto, era molto silenziosa”, sicuramente stravolta e sotto shock per la terribile esperienza vissuta. Ma nonostante questo, disidratata e affamata, ha tenuto duro e si è presa cura del fratellino per oltre 72 ore. Entrambe sono stati portati in ospedale per i controlli ma le loro condizioni sono buone: resta da capire se la bambina abbia visto la sparatoria con i suoi occhi.

Leggi NewNotizie.it, anche
su Google News

Segui NewNotizie.it
su Instagram