Oltre un chilo di marijuana nel borsone da calcetto, 30enne arrestato grazie ad una soffiata giunta tramite Youpol

La app Youpol colpisce nel milanese, come riportato da Milano Today.

In seguito ad una “soffiata” giunta tramite la applicazione della polizia di Stato nata per raccogliere segnalazioni su episodi di spaccio e bullismo un 30enne italiano è stato arrestato martedì pomeriggio dagli agenti della VI sezione della Squadra Mobile con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’uomo, un operaio di una ditta di Segrate (in provincia di Milano), aveva precedenti e dopo la segnalazione giunta tramite l’app è stato fermato dalle forze dell’ordine appena uscito da lavoro.

Nonostante in quel momento non avesse nulla con sé, le forze dell’ordine hanno deciso di perquisire casa sua (a Zelo Buon Persico, nel lodigiano) ed hanno trovato oltre un chilo di marijuana, stipato nel borsone per il calcetto; altri 150 grammi di hashish sono stati trovati su un mobile nel soggiorno.

Le forze dell’ordine lo hanno quindi arrestato, dopo aver trovato anche duemila euro in contanti (probabilmente provenienti dall’attività illegale).

(Foto d’archivio)