Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Spari sui migranti in un centro detenzione di Tripoli: almeno 2 morti e 20 feriti

CONDIVIDI
Almeno 2 morti e 20 feriti
(Screenshot Video)

Militari libici sparano ai migranti in un centro detenzione a Tripoli: secondo le prime informazioni sarebbero almeno 2 i morti, mentre a 20 ammonterebbe il numero dei feriti.

Un video scioccante diffuso da Medici senza frontiere mostra il momento in cui i militari libici sparano contro i migranti indifesi in un centro di detenzione di Tripoli. Nelle immagini si sentono distintamente i colpi di arma da fuoco e le urla dei presenti che, in preda al panico, si nascondono nella speranza di non essere raggiunti dai colpi. In una seconda parte del video, invece, si vedono alcuni feriti distesi a terra attorniati da parenti che cercano di farli calmare e di tamponare la fuoriuscita di sangue.

Spari sui migranti in un centro di detenzione a Tripoli: il bilancio è grave

Secondo quanto si apprende dalle poche informazioni giunte, l’orribile atto di crudeltà verso i migranti ha avuto luogo nel centro di detenzione di Qasr Bin Gashir. I militari erano arrivati mentre i migranti stavano pregando ed hanno chiesto ad alcuni di loro di fornirgli i telefonini. Quando questi hanno rifiutato di consegnare i propri telefoni, sono cominciati gli spari. I militari non si sono curati nemmeno del fatto che all’interno del centro ci fossero donne, anziani e bambini. Per il momento il bilancio è di 2 morti e 20 feriti, ma potrebbe acuirsi nelle prossime ore.

A diffondere le informazioni in occidente è stato l’avvocato Giulia Tranchini, specializzata in diritto d’asilo e residente a Londra. La donna ha spiegato al ‘The Guardian’ di essere in contatto con i prigionieri del centro, i quali le hanno rivelato che molti di loro hanno già subito diverse violenze nei centri di detenzione libici.

Ecco il video in questione, pubblicato sulle pagine online di ‘Repubblica.tv’

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram