Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Sparatoria a Napoli, ci sono tre feriti: molto gravi le condizioni di una bambina colpita per sbaglio

CONDIVIDI

Una bimba, raggiunta per sbaglio da dei proiettili nel corso di una sparatoria avvenuta a Napoli venerdì, sta lottando tra la vita e la morte. Ci sono altri due feriti

La Polizia scientifica sul luogo della sparatoria (Ansa)

Una bimba di quattro anni è rimasta coinvolta in una sparatoria verificatasi venerdì scorso nel centro di Napoli. Il proiettile che l’ha colpita l’ha raggiunta al torace ed  passato vicino all’aorta. La piccola  stata operata nella notte presso l’Ospedale Santobono. Stamane è stato diffuso un bollettino sulle sue condizioni di salute, che non sono affatto rassicuranti. La piccola sta lottando per vivere. Altre due sono le persone che sono rimaste ferite nell’ambito dello stesso conflitto a fuoco: si tratta di un pregiudicato di 32 anni e di una donna di 50 anni.

Sparatoria a Napoli, la piccola operata nella notte: rimane grave

Tre persone sono rimaste ferite nel corso di una sparatoria avvenuta venerdì pomeriggio nel centro di Napoli, in Piazza Nazionale. Si tratta di un pregiudicato di 32 anni (attualmente ricoverato all’Ospedale Loreto Mare in prognosi riservata. È stato colpito da sei proiettili), di una donna di 50 anni (raggiunta al gluteo da un proiettile,  stata ricoverata all’Ospedale San Giovanni Bosco) e della nipotina di quest’ultima, una bimba di soli 4 anni che purtroppo si è trovata- insieme alla nonna- nel posto sbagliato al momento sbagliato. La piccola è stata colpita al torace da un proiettile ed è stata trasferita all’Ospedale Pediatrico Santobono. Dopo un monitoraggio accurato delle condizioni della piccola, e visto anche che il proiettile entrato nel suo corpicino non si è frantumato, i medici hanno deciso per l’operazione chirurgica volta all’estrazione della pallottola. Sembra che il proiettile, procedendo da destra verso sinistra, abbia attraversato entrambi i polmoni della bimba: la piccola è tenuta in coma farmacologico.

Sparatoria a Napoli, gli inquirenti indagano: non si esclude nessuna pista

Pare che la piccola stesse giocando con la nonna in Piazza Nazionale, venerdì scorso appunto, quando è scoppiata la sparatoria nel quale le due e il pregiudicato sono rimaste ferite. Al momento, gli inquirenti che si stanno occupando delle indagini non escludono nessuna ipotesi e nessuna pista. Tra le ipotesi c’è proprio quella di un agguato di camorra che avrebbe dovuto colpire il pregiudicato. La nonna e la bimba sarebbero rimaste ferite per sbaglio. Il sindaco questa notte si è recato all’ospedale pediatrico per accertarsi delle condizioni della bimba ferita, non appena finito l’intervento chirurgico durato in tutto tre ore.  “Vedere un proiettile grande quasi quanto il cuore della bimba che le ha penetrato e traumatizzato, in un attimo, il corpo e la vita innocente e sconvolto una famiglia senza colpe fa molto male. Ieri sera ed anche oggi ho annullato la mia presenza fisica in tutte le iniziative in città, alcune anche molto importanti sul piano sociale, politico ed istituzionale. Ma ora è per me il momento assorbente della preghiera, della lontananza dai riflettori, della riflessione e della concentrazione di tutte le energie umane di questa città che rappresento sulla piccola che lotta, con il suo corpicino, per la vita che ha il diritto di vivere. Poi ci sarà il momento, nei prossimi giorni, per le considerazioni politiche ed istituzionali. In queste ore mi stringo e ci stringiamo con il pensiero, con il cuore e con la preghiera attorno al corpo della bimba che lotta, ai suoi familiari che resistono e ai medici e gli infermieri che stanno facendo di tutto per salvarle la vita.“, ha detto Luigi De Magistris.

(Fonti: La Repubblica.it e Quotidiano.net)

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram