Home Esteri: Ultime notizie dal Mondo

Tragedia a largo della Tunisia, 70 migranti morti in mare: Ong attacca Palazzo Chigi

CONDIVIDI
Ong attacca Palazzo Chigi
(Getty Images)

Tragedia a largo della costa tunisina: affondato barcone carico di migranti, almeno 70 le vittime. L’ong ‘Mediterranea’ attacca duramente il governo.

In questi istanti la marina militare tunisina si sta occupando delle operazioni di salvataggio e recupero dei migranti naufragati a largo di Sfax. Secondo quanto emerso dalla cronaca locale, il barcone carico di immigrati sub sahariani sarebbe partito nella notte dalla Libia ed avrebbe intrapreso il viaggio in mare nella speranza di giungere in una costa sicura in Europa. Il viaggio, però, si è interrotto a largo della costa tunisina: quando l’imbarcazione è giunta a 40 chilometri dalla città costiera di Sfax ha cominciato ad inabissarsi.

Il bilancio del naufragio è già tragico, secondo le prime stime condivise sarebbero già 70 i cadaveri ripescati nel Mediterraneo ed i numeri potrebbero essere destinati a salire nelle prossime ore. Sedici persone sono state tratte in salvo da alcuni pescherecci che si trovavano in zona, mentre al momento delle operazioni di recupero si sta occupando la marina militare.

Tunisia, tragedia migranti: ong attacca il governo

Appresa la notizia dell’ennesima tragedia nel mar Mediterraneo, l’ong ‘Mediterranea‘ ha condiviso un messaggio provocatorio rivolto al governo italiano ed alla Commissione Europea in cui si legge: “E adesso che sono morti, adesso che un’altra strage è compiuta, vi sentite meglio? @Palazzo_Chigi @EU_Commission”.

L’attacco dell’organizzazione non governativa è legato alla politica voluta dall’attuale governo italiano sui salvataggi in mare. Da quando il governo è in carica, infatti, è vietato per le Ong straniere portare nel nostro Paese migranti salvati in mare, così come è vietato per le Ong battenti bandiera italiana operare al di fuori della zona Sar di competenza.

Proprio Mediterranea è stata oggetto di una polemica con il ministro dell’Interno, il quale ha chiesto due arresti quando è stata intercettata a largo di Lampedusa con a bordo migranti. Successivamente a quel episodio, il vice premier ha varato una direttiva apposita che impedisce alla Ong di intervenire al di fuori delle acque nazionali.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram