Macerata, il questore chiude due negozi di cannabis: “Sono l’anticamera dell’inferno”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:22

cannabis questoreDue negozi di cannabis shop chiusi nelle Marche.

L’ordine è arrivato direttamente dal questore di Macerata, Antonio Pignataro, che ha imposto la chiusura di due esercizi a Civitanova Marche. Nei giorni scorsi, proprio in questi negozi le forze dell’ordine avevano provveduto a sequestrare 25 prodotti a base di cannabis: per Pignataro, era stata superata la quantità massima di principio attivo THC consentita dalla legge.

Non è la prima volta che Antonio Pignataro impone la chiusura di negozi che vendono cannabis. Tuttavia, come spiega “Il Post”, le sue ordinanze precedenti erano state sempre annullate dalla magistratura.

“La cannabis è l’anticamera dell’inferno”

Bisognerà capire come andrà questa volta, considerando anche le recenti frasi del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che ha promesso di chiudere tutti i cannabis shop aperti negli ultimi due anni.

Il questore di Macerata ha illustrato le motivazioni delle due chiusure in una conferenza stampa: “Me l’hanno chiesto le madri dei ragazzi che compravano la cannabis legale in quei negozi e la fumavano in casa”, ha detto Pignataro, che ha poi espresso la sua teoria sulle droghe leggere.

“La cannabis legale non esiste e il limite di THC di 0,5 è ingannevole”, ha precisato il questore di Macerata, che ha poi concluso affermando che la cannabis “è l’anticamera dell’inferno, è l’anticamera dell’eroina e l’anticamera della cocaina”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram