Home Tempi Postmoderni Animali & Ambiente

Pesce Leone minaccia la biodiversità nel Mediterraneo, Cipro propone l’abbattimento selettivo

CONDIVIDI

Cipro propone l'abbattimento selettivoI biologi marini sono preoccupati dalle conseguenze che potrebbe comportare la recente invasione di esemplari di pesce leone nel Mediterraneo. Per evitare danni irrimediabili all’ecosistema Cipro propone l’abbattimento selettivo.

Negli ultimi anni il mar Mediterraneo ha accolto una nuova specie: il pesce leone. Solitamente presenti in zone di mare più calde, si pensa che questi animali feroci e velenosi sono giunti nei pressi delle nostre coste dal Mar Rosso (suo habitat naturale) attraverso il canale di Suez. Gli studiosi ritengono che il trasferimento sia stato favorito dal surriscaldamento globale, fenomeno che ha alzato la temperatura del Mediterraneo permettendo a questa specie di trovare le condizioni ottimali di vita.

Ciò che rende pericolo il pesce leone è la voracità che lo contraddistingue: questi pesci si cibano praticamente di ogni cosa, dai vegetali ai coralli fino ai pesci di ogni specie. Inoltre pare che non abbiano nemmeno un nemico naturale, ovvero un pesce che possa diminuirne il numero per limitarne la proliferazione. Il pesce leone, infatti, è inattaccabile grazie alle antenne dorsali che rilasciano veleno mortale al contatto. Il veleno è pericoloso anche per l’uomo, visto che causa dolori lancinanti a chiunque ne venga a contatto. Per il momento, per fortuna, non sono stati registrate vittime.

Pesce Leone: Cipro propone abbattimento selettivo per evitare l’invasione

Il Paese del Mediterraneo maggiormente colpito dall’invasione di questi pesci al momento è Cipro, ma sono stati avvistati esemplari anche a largo delle coste di Turchia, Grecia, Tunisia e Italia. I biologi ritengono il pesce leone un fattore di pericolo potenzialmente devastante per la biodiversità del Mediterraneo (si ritiene siano colpevoli dell’estinzione di 5 specie) e dunque per l’intero ecosistema marino.

Al momento, ha spiegato un esperto al ‘The Guardian‘, la nuova specie non ha ancora causato danni, ma c’è il rischio che possa farlo se il suo numero dovesse aumentare a dismisura: “Non posso enfatizzare abbastanza quale pericolo comportino per l’intero ecosistema del Mediterraneo”, dice Hall Spencer dell’università di Plymouth: “Il pesce leone è la specie più invasiva e dannosa che abbia mai visto. Se non verranno presi dei provvedimenti ci saranno danni ambientali ed economici duraturi”.

Proprio per questo motivo il governo di Cipro sta organizzando il primo abbattimento selettivo di pesci leone. Una volta portato a termine ci sarà un periodo di osservazione nel quale si cercherà di capire se tale provvedimento è stato efficace e solo se i responsi saranno positivi ci procederà ad ulteriori operazioni di tale tipo: “Se l’abbattimento si rivelerà uno strumento efficace – dice infatti Nicholas Michaelides, direttore del dipartimento pesca e marina – lo farà applicare sicuramente. A Cipro la pesca subacquea è illegale ma in questo caso faremo un eccezione”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore