Barista interviene per sedare rissa tra due 20enni: viene picchiato, batte la testa e muore

Voleva solamente sedare una rissa ma l’intervento gli è costato caro: è accaduto ad un barista di 45 anni, morto mentre cercava di placare due fratelli di vent’anni che si stavano azzuffando all’interno di un locale a Tovena di Cison Di Valmarino, in provincia di Treviso.

I due non hanno preso bene l’intervento – il barista avrebbe intimato ai due giovani di smettere di urlare – e hanno brutalmente picchiato il barista, che ha poi battuto il capo a terra.

Al momento dell’alterco, nel locale c’erano molti clienti che attendevano il passaggio del Giro d’Italia proprio di fronte al locale.

Inutili i soccorsi giunti prontamente: l’uomo è morto poco dopo all’ospedale di Conegliano.

Immediato anche l’intervento dei carabinieri, che hanno portato in caserma i due fratelli e hanno sentito anche alcuni testimoni del fatto.

A commentare la tragedia l’ex sindaca del paesino: “Lo conoscevo molto bene, era stato nella mia lista per le elezioni 2009-2014, il classico bravo ragazzo: nessuno poteva pensare ad un episodio del genere, lui non ha mai fatto del male ad una mosca. Il suo spirito di grande altruismo l’ha spinto a sedare questa rissa. È certamente vittima di una situazione in cui non c’entrava nulla. Era sempre disponibile con tutti, il classico figlio che tutte le mamme vorrebbero. Era attivo nel volontariato, bastava chiamarlo e interveniva. Non si può morire così”, sono ueste le parole riportate da Today.