Home Tempi Postmoderni Animali & Ambiente

Api costruiscono i nidi con la plastica, la drammatica scoperta in Sudamerica

CONDIVIDI

Un gruppo di ricercatori ha scoperto che le api, in Argentina, nidificano utilizzando i resti dei sacchetti di plastica

L’inquinamento esiste ed è una piaga che ha raggiunto livelli di massima allerta, benché qualcuno tenda ancora a negare l’impatto distruttivo delle attività umane sul pianeta Terra. Un esempio semplice, quanto eloquente, ci arriva dall’Argentina. Qui un gruppo di ricercatori ha scoperto che delle api solitarie hanno realizzato i loro nidi utilizzando i resti di alcune buste di plastica che gli insetti hanno ritrovato. L’allarme, dunque, è stato lanciato: la plastica è capace di ridurre il ciclo vitale delle api, e dalle api dipende il processo di impollinazione così importante anche per l’esistenza stessa dell’uomo.

Api costruiscono i nidi con la plastica, la scoperta dei ricercatori in Argentina

Tra il 2017 e il 2018 un gruppo di ricercatori attivo in Argentina aveva disposto la sistemazione di alcuni tubi cavi all’interno dei quali le api avrebbero potuto nidificare, trasportando all’interno dei tubi indicati fango, frammenti di petali, foglie, rametti, resina di alberi e altri elementi ritrovabili in natura e utili per la costituzione dei loro nidi. Le api hanno effettivamente creato i loro nidi, ma la scoperta che ha lasciato interdetti e terrificati gli studiosi è un’altra e riguarda il rinvenimento di pezzi di plastica all’interno dei nidi. I frammenti rinvenuti erano appartenenti a delle buste di plastica composte di una plastica azzurrina meno resistente e da una bianca più rigida. A riportare la sconvolgente notizia è stato Vice.

Api costruiscono i nidi con la plastica, la scoperta pubblicata su Apidologie

A quanto pare, la scoperta fatta in Argentina è allarmante perché si tratta della prima volta in assoluto in cui sono stati scoperti nidi totalmente costruiti in plastica. Al 2013 risale la scoperta dell’utilizzo, da parte delle api, di materiali come poliuretano e polietilene plastico, ma sempre mischiati dagli insetti agli altri elementi naturali recuperati. In questo caso gli studiosi hanno visto che c’è soltanto plastica in questi nidi. Tuttavia, secondo i ricercatori, la notizia potrebbe non essere del tutto negativa perché ciò dimostrerebbe la capacità di adattamento delle api rispetto ai materiali introdotti dall’uomo nell’ambiente. “Potrebbe dimostrare la capacità di reazione delle api in cerca di materiali alternativi per costruire i propri nidi, davanti al disturbo creato dall’uomo“: questa frase è parte di ciò che i ricercatori hanno scritto e pubblicato sulla rivista Apidologie, dove si può trovare tutto il report della scoperta.

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram

Se vuoi essere aggiornato solamente sulle notizie di tuo interesse, è arrivata l'APP che ti invierà solo le notifiche per le notizie di tuo interesse!

✅ Scarica Qui x Android: TopDay_PlayStore
✅ Scarica Qui x OS: TopDay_AppStore