Salvini contro la procedura d’infrazione: “I miei figli sono 60 milioni di italiani, devo dargli da mangiare”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:33

matteo salvini

Durante un comizio a Foligno, Matteo Salvini si è scagliato contro la procedura d’infrazione che la Commissione europea ha deciso di aprire verso l’Italia: “Ho 60 milioni di figli, devo dargli da mangiare”.

Non accennano a placarsi le reazioni del Ministro degli Interni, Matteo Salvini, contro la procedura d’infrazione che la Commissione europea di Bruxelles ha deciso di aprire contro il nostro Paese. Nel corso di un comizio in Umbria, a Foligno, il leader della Lega ha usato una metafora abbastanza eloquente: “Se mio figlio ha fame e mi chiede di dargli da mangiare e Bruxelles mi dice ‘No Matteo, le regole europee ti impongono di non dare da mangiare a tuo figlio’, secondo voi io rispetto le regole di Bruxelles o gli do da mangiare? Secondo me viene prima mio figlio, i miei figli sono 60 milioni di italiani. Se una medicina dopo 15 anni si rivela sbagliata ho diritto a prendere un’altra medicina”.

Salvini non è preoccupato per questa procedura d’infrazione: “L’Italia è un Paese sano”

Matteo Salvini è intervenuto anche in diretta nel corso della trasmissione televisiva ‘Otto e mezzo’, in onda sul La7, ribadendo la sua poca preoccupazione per questa decisione di Bruxelles: “L’Italia è un Paese sano e l’economia italiana è sana. Ci sono delle regole da aggiornare e rivedere. Aumentare le tasse in Italia in questo momento è l’ultima cosa che una persona normodotata e intelligente farebbe, aumentare l’Iva, tassare la casa…”.

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News

Segui NewNotizie.it su Instagram