Bubble tea non digerito, 14enne finisce in ospedale con forti dolori: è successo in estremo oriente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:33

Una ragazzina 14enne, in Cina, è finita in ospedale per non aver digerito le perle di tapioca di un bubble tea bevuto qualche giorno prima

Brutto incidente di percorso per una ragazzina cinese di 14 anni che è finita in ospedale dopo aver bevuto del bubble tea. La ragazzina, che vive nella provincia dello Zhejiang, ha bevuto del tea in perle e ha iniziato a soffrire di stitichezza. Dopo cinque giorni di fastidi, di dolori intestinali e di quasi totale digiuno (l’adolescente non riusciva nemmeno più a mangiare), la corsa in ospedale e la scoperta sbalorditiva: circa cento perle di tapioca non digerite si erano sparse per tutto lo stomaco e l’intestino della giovane. La notizia è stata data da Metro.co.uk.

Ragazzina 14enne non digerisce bubble tea, i medici trovano cento perle di tapioca nel suo intestino

Il bubble tea, probabilmente, non lo berrà per un bel po’ di tempo. Stiamo parlando di una ragazza di 14 anni che ha vissuto una disavventura proprio a causa della bevanda di cui stiamo parlando. Siamo in Cina, nella provincia di Zhejiang, e la giovane è arrivata presso l’Ospedale popolare provinciale di Zhejiang nella sera del 28 Maggio scorso. la ragazza lamentava forti dolori allo stomaco: da circa cinque giorni non defecava più e non riusciva nemmeno più a mangiare. Inizialmente i medici non avevano idea di cosa avesse potuto scatenare quella condizione clinica, ma dopo una tomografia computerizzata è stato scoperto l’arcano. Le perle di tapioca, la componente essenziale del bubble tea (bevanda che si prepara inserendo nel tea le perle di tapioca, che sono masticabili, dopo averle cotte per una decina di minuti) non erano state digerite e si erano sparse tra stomaco e intestino.

Ragazzina 14enne non digerisce bubble tea, per lei problema risolvibile

La quantità di perle trovate nel corpo della 14enne, circa cento, era inusuale per la sola bevanda bevuta che la ragazza ha detto di aver consumato cinque giorni prima del suo ricovero. Il Dottor Zhang Louzhen, il medico che l’ha curata, ha iniziato a sospettare che la ragazza avesse loro mentito sulle quantità di tea bevuto, temendo che i genitori l’avessero potuta punire se avessero scoperto la verità. Le perle di tapioca, che viene estratta dalla manioca, possono essere difficili da digerire. La cosa può peggiorare nel caso in cui la tapioca venga lavorata con conservanti, ad esempio, capaci di far male se consumata troppo spesso. Da qui il problema della giovane, comunque risolvibile tramite l’assunzione di lassativi.

Maria Mento

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram